Home Attualità

Maltrattamenti sui dipendenti: licenziata la vice-store manager della boutique Chanel di piazza di Spagna

CONDIVIDI
iStock Photo

Denunce dettagliate da ben 15 dipendenti hanno condotto al licenziamente della vice-store manager della boutique Chanel di Piazza di Spagna.

Le lamentele erano iniziate a ottobre quando l’azienda ha deciso di procedere ad accertamenti dettagliati sull’operato della propria dipendente. I colleghi sottoposti riferivano di angherie e umiliazioni a vario livello. “La dirigente – affermò una delle impiegate –  mi ha spesso accusato di avere i capelli sporchi, e non era vero: solo perché non andavo dal parrucchiere messo a disposizione da Chanel. Un’altra collega, che si era tinta i capelli di rosso, è stata chiusa in bagno, poiché la tonalità non piaceva alla responsabile. La mia amica si è sentita male”. A ciòs i aggiungono poi appellativi come “anoressica” o “cicciona” e persino la pretesa di sfruttare i colleghi durante le ore di lavoro per commissioni personali.

Un vero e proprio regime del terrore basato sull’umiliazione che, come la multinazionale della moda ha sottolineato, “non sono in alcun caso conformi alla nostra politica interna”.

A gioire dell’allontanamento della donna non sono però stati solo i dipendenti della boutique ma anche l’Usb (l’Unione sindacale di base lavoro privato) che aveva raccolto le denune:

La prova che insieme si può lottare e vincere. Come è stato fatto, e continueremo a fare, per i lavoratori di Chanel

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Posta delle foto “scandalose” su Instagram. Insegnante rischia il licenziamento.

Si spera ora che un lavoro più sereno attenda tutto il personale del negozio, punto vendita di un marchio simbolo di eleganze e delle più alte vette della moda ma nel cui nome, certo, non sono accettabili simili sopprusi.