Home Attualità Posta delle foto “scandalose” su Instagram. Insegnante rischia il licenziamento.

Posta delle foto “scandalose” su Instagram. Insegnante rischia il licenziamento.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:51
CONDIVIDI

Condividere delle immagini di sé stessi sui social network sta diventando sempre più pericoloso, soprattutto per chi svolge un determinato tipo di professione.

Lo sa bene questa professoressa delle scuole medie americana la quale ha rischiato davvero grosso per avere pubblicato delle sue fotografie considerate troppo “audaci” sul proprio profilo Instagram.

Ecco come si sono svolti i fatti e le immagini incriminate.

Jensen

E’ in verità d’ispirazione per molte donne

Mindi Jensen è un’insegnante della scuola media North Sanpete Middle School nello Utah (Stati Uniti).

In verità, oltre alla vita da insegnante, Mindi ne ha altre due di vite.

La prima è quella di mamma di ben quattro figli, cosa che, almeno dalle fotografie che vedrete poi, non si direbbe assolutamente. Secondo poi è una body builder, cosa che invece si intuisce abbastanza facilmente.

E proprio questa sua ultima attività ad aver rischiato di metterla nei guai.

Sì perché la donna, che ha voluto aprire un proprio profilo Instagram, anche se sotto pseudonimo, nel quale inserire tutte le immagini dei risultati da lei raggiunti in palestra, si è vista attaccata dai genitori dei propri alunni i quali l’hanno accusata di condividere immagini sconvenienti, inappropriate e al limite del pornografico.

Immediato il richiamo della scuola alla professoressa Jensen con la richiesta di occultare o almeno rendere privato il proprio profilo. Questo a rischio di un suo licenziamento.

Mindi si è però rifiutata di farlo in quanto, secondo le sue stesse parole, il suo corpo e le fotografie che ritraggono i sacrifici da lei compiuti per ottenerlo “sono di ispirazione per molte donne, che mi contattano di continuo per ringraziarmi, per dirmi che grazie a me si stanno risollevando da una situazione difficile”.

Una volta chiarito il motivo dell’esistenza del suo profilo Instagram la scuola ha subito fatto marcia indietro ed ha anzi difeso l’operato della sua dipendente la quale, ad ogni modo, si è sempre rivelata al di là di tutto, un’eccellente insegnante.

Nelle prossime pagine alcuni degli scatti “incriminati”. A vostro parere sono davvero così scandalosi?