Home Attualità

Pandora e la pubblicità accusata di sessismo

CONDIVIDI

pandora pubblicità

Nelle ultime ore, uno degli argomenti più discussi sui social è stato, senza alcun dubbio, il messaggio della nuova pubblicità di Pandora, l’azienda che si occupa di gioielli per donne e che, in vista del Natale, ha pensato ad un cartellone per invitare ad acquistare i propri prodotti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Collanine: 5 modi per indossarle

Scuse da parte di Pandora dopo la pubblicità che ha fatto scandalo

Il messaggio, contestato ed accusato di sessismo, è il seguente:

Un ferro da stiro, un pigiama, un grembiule, un bracciale Pandora. Secondo te cosa la farebbe felice?

Un commento che in molti, le donne in primis, non hanno gradito, e che hanno provocato all’azienda un ritorno d’immagine poco favorevole. Così, nelle ultime ore, Pandora ha provveduto a scusarsi tramite Facebook, cercando di spiegare meglio il senso della pubblicità. Per farlo, sono stati scritti ben due messaggi.

Molte di voi hanno visto la nostra campagna Natale 2017 e le affissioni che coprono tutta l’Italia. Abbiamo notato però che il messaggio a volte è stato frainteso, per questo vogliamo raccontarvelo meglio. Da sempre Pandora ha a cuore le donne e quest’anno vuole aiutarle a trovare sotto l’albero il regalo perfetto. Quante di noi a Natale hanno ricevuto qualcosa di non gradito? Questa iniziativa nasce proprio da una ricerca che ha evidenziato come la maggior parte delle donne a Natale riceva sempre il regalo sbagliato. Auguriamo a tutte voi di ricevere proprio ciò che più desiderate.

Il secondo messaggio, giunto poco dopo, è servito a spiegare il primo e a cercare di chiudere una volta per tutte l’incresciosa situazione venutasi a creare. La società ha quindi spiegato che l’intenzione del testo pubblicitario era quella di strizzare l’occhio ad alcuni stereotipi, il tutto in modo non offensivo ma con il solo intento di strappare un sorriso. Un messaggio al quale sono seguite le scuse per “tutte coloro che si sono sentite toccate nella loro sensibilità”.