Home Attualità

Il trucco miracoloso per pulire le sneakers bianche

CONDIVIDI

Converse, Superga, Vans, in una parola sneakers, quelle scarpe su cui fare affidamento per unire stile e praticità e affrontare in modo vincente anche le giornate più impegnative. Ognuna di noi ha ovviamente il suo modello preferito ma c’è una variante in particolare che sembra affascinare i più: il bianco. Le sneakers bianche sono una scelta classica e sempre vincente, quella su cui possiamo puntare a occhi chiusi per avere un look a prova di critica.

Se l’acquisto risulta di sicuro successo è altrettanto vero che ci espone a un pericolo: lo sporco. L’effetto used è sempre vincente ma scadere nell’eccesso è assolutamente vietato. Avete però mai provato a riportare al candore le vostre sneakers bianche? Un missione quasi impossibile per la quale nessun prodotto o stratagemma sembra realmente funzionare. Una ragazza potrebbe però aver eliminato anche questo ostacolo sul nostro cammino con un semplice post via Twitter.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> 10 modi di usare il bicarbonato per pulire la casa

@sarahtraceyy ha fatto quanto di più semplice possiate immaginare: aprire la dispensa, mixare i prodotti trovati e armarsi di olio di gomito (ma nemmeno troppo). Il risultato raggiunto però è stato così eccellente da trasformarla in una vera e propria eroina del web per un giorno.

La foto del prima e dopo parla da sola e ha ottenuto quasi 100mila retweet oltre a 320mila mi piace e ringaziamenti a non finire da parte di tanti amanti delle sneakers che finalmente scorgevano la leggendaria luce in fondo al tunnel.

Ma in che cosa consiste questa ricetta magica? La ragazza ha riempito una bacinella di acqua miscelando all’interno bicarbonato e detersivo (la proporzione è di 1 a 1,5) e con uno spazzolino ha rimosso lo sporco dalle sue sneakers, gettandole poi in lavatrice per un ultimo lavaggio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Ecco alcuni rimedi naturali per pulire e rendere lucido il parquet

Risultato? Sneakers candidissime con il minimo sforzo. Che dire? Non resta che provare per credere e magari unirci poi al coro di ringraziamenti per @sarahtraceyy.