Home Maternità

Essere genitori: come insegnare a studiare ai bambini

CONDIVIDI
(IStock)

L’apprendimento per noi essere umani è una cosa normale fin da piccoli infatti iniziamo ad apprendere facendo domande, ascoltando e osservando. Ma mentre l’apprendimento non richiede nulla perchè è spontaneo ed in un certo senso istintivo, lo studio al contrario richiede un metodo. Ecco perchè è molto importante suscitare nel bambino un certo interesse, senza l’interesse il bambino fa difficoltà ad imparare qualcosa.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:come scegliere la scuola primaria per nostro figlio

Come si impara a studiare?

Questo problema compare già a partire dalle terza elementare, è qui infatti che il bambino entra in contatto con lo studio vero e proprio ed è quindi qui che deve imparare a sviluppare un metodo di studio che gli possa permettere di  affrontare al meglio le scuole medie e le superiori dove il carico di lavoro è maggiore e più impegnativo.

Oggi vogliamo proporvi alcuni consigli che vi possano aiutare con questo difficile compito. Vediamoli insieme.

Innanzitutto è importante trovare, in casa, uno spazio in cui i nostri figli possano studiare, un luogo in cui sia possibile trovare calma e concentrazione. L’elemento fondamentale per lo studio è la capacità di creare uno “spazio studio” proprio nella nostra mente. Quindi no a distrazioni esterne quali radio, televisione e soprattutto il cellulare!

Un ambiente silenzioso aiuta molto la concentrazione, bisogna essere bravi a  ricreare un a situazione di calma e tranquillità senza urla o grida e continue distrazioni. Dobbiamo inoltre tenere a mente che lo studio per il bambino è qualcosa di nuovo e fino a questo momento inesplorato, deve imparare ad acquisire un suo ritmo. Per questo evitiamo di esasperarlo mettendogli fretta rischiando anche di indisporlo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: aiutiamo i bambini ad avere autostima

Per facilitare lo studio è importante imparare a sottolineare usando anche colori diversi così da distinguere i concetti. Dobbiamo aiutarli a capire quali sono gli aspetti da sottolineare, gli aspetti importanti e cosa invece tralasciare.