Home Uomini & Donne

Scelta Andrea Damante: parla la mamma di Giulia de Lellis

CONDIVIDI

In tanti la danno per favorita. In tanti la demoliscono senza sosta. L’esperienza a Uomini e Donne di Giulia de Lellis potrebbe essere riassunta così, una continua altalena tra detrattori e sostenitori che anche oggi, a poche ore dalla scelta di Andrea Damante, sembra non volersi fermare.

Non poteva allora esserci momento migliore per far scendere in campo un aiuto extra al fianco della corteggiatrice. E’ il momento della mamma.

giulia de lellis
Prima della scelta di Andrea Damante parla la madre di Giulia de Lellis

A un passo dalla scelta definitiva, compare, sotto una foto pubblicata su Instagram da Giulia de Lellis, un commento firmato dalla mamma della corteggiatrice:

Amore di mamma, anche se voi non sapete cosa sia l’invidia, la gelosia e la cattiveria (poiché sono valori che dentro casa nostra non regnano, anzi mai esistiti) dovete sapere che purtroppo esistono, ci sono come vedi e fanno si che persone belle come voi, in questo caso come Giuli, vengano attaccate per queste piccolezze. Ma noi ridiamoci su (perché è da riderci e basta,anche perché mia figlia non ha bisogno di U&D per una maglia da 20 euro ringraziando dio) ed auguriamoci che questo ragazzo non si limiti e si soffermi a discorsi così poveri. LO FACCIO UN PO’ DI PIU’ #staremoavedere

Chiaro appare il riferimento alla lunga “questione della maglietta” che ha tenuto banco per un’intera puntata di Uomini e Donne. Inutile dire che la mamma voglia esprimere tutto il suo supporto a quella figlia che giudica bella, intelligente e lontana da invidie e gelosie, ma tra le righe c’è anche un consiglio per colui che auspica vedere presto come suo genero. “Auguriamoci che questo ragazzo non silimiti e soffermi a discorsi così poveri”. Traduzione: caro Andrea Damante impara a guardar oltre chiacchiere e apparenze e scegli mia figlia.

VIDEO NEWSLETTER

Il suggerimento verrà accolto? Staremo a vedere. Intanto riviviamo uno dei moltri attacchi contro cui Giulia de Lellis si è battuta: proprio quello della “maglietta incrminata”.