Home Attualità

CARO AVVOCATO: il fondo patrimoniale non è aggredibile da Equitalia

CONDIVIDI

soldi

L’avvocato Sara Testa Marcelli risponde:

Secondo una recente sentenza della Commissione tributaria regionale della Calabria (sentenza n. 955/3/14), l’ipoteca esattoriale non è iscrivibile su beni confluiti in un fondo patrimoniale se i debiti contratti sono estranei alle necessità della famiglia.

Il fondo patrimoniale è uno istituto giuridico mediante  il quale uno dei coniugi, entrambi o un terzo vincolano determinati beni destinandoli ai bisogni della famiglia. La proprietà dei beni che costituiscono il fondo, infatti, salvo diversa disposizione nell’atto che costituisce il fondo, spetta ad entrambi i coniugi. Tale patrimonio non è aggedibile dai creditori, a meno che il debito non sia stato contratto dai coniugi per far fronte ai bisogni della famiglia oppure dai coniugi per scopi estranei ai bisogni della famiglia e di tale circostanza i creditori non fossero a conoscenza.

Il collegio d’appello, rilevando che il contribuente tra i motivi devoluti insisteva sulla violazione delle norme sul fondo patrimoniale, ha accolto il ricorso aderendo all’orientamento consolidato del giudice di legittimità sul tema (Cassazione Civile, Sez. V, 07/07/2009 n. 15862.) Secondo tale orientamento, ciò che conta non è la natura dell’obbligazione (contrattuale o legale), bensì lo scopo per cui tale obbligazione è sorta. Sostanzialmente, per la Cassazione ciò che rileva è se il debito è sorto per soddisfare bisogni della famiglia, nel qual caso il bene è comunque aggredibile, o bisogni estranei, ed allora nulla potrà fare il fisco.