Hai scelto il blush sbagliato? Ti spieghiamo come correggere il colore!

Se hai fatto un acquisto sbagliato sei sempre in tempo a correggere il colore del blush: tutti i segreti per un risultato perfetto.

Quando si tratta dei prodotti cosmetici necessari a realizzare la base trucco è assolutamente fondamentale scegliere colori che siano armonici con il nostro incarnato.

correggere colore blush sbagliato
(Chedonna)

In pratica è essenziale scegliere colori freddi se si ha un sottotono freddo e ovviamente colori caldi se si ha un sottotono caldo.

Si sarebbe portati a pensare che il blush ha sempre toni caldi: non esiste certo un blush blu! Si tratta però di un errore di valutazione in cui cadono tutti.

Secondo una convenzione estremamente diffusa si indicano come “blush dai colori freddi” tutti i blush privi di giallo o di arancio.

Questo significa che il “rosa puro” che sia chiaro o scuro è considerato colore freddo. Lo è anche il marrone con tracce di blu, particolarmente scuro e a volte molto simile al viola, non troppo adatto per l’estate. Al contrario tutti i beige, i marroni e i color pesca sono considerati colori caldi.

Questa divisione così netta vale però principalmente in inverno, quando il colore del nostro incarnato non è stato alterato dalla lunga esposizione solare.

In estate infatti in virtù dell’abbronzatura la nostra pelle assume un colore dorato che finisce per alterare il suo colore generale, facendolo decisamente virare verso i colori caldi.

Perché in estate è meglio imparare a correggere il colore di un blush sbagliato?

L’alterazione del colore del nostro incarnato può provocare seri problemi alla scelta e all’applicazione del make up in estate.

colore blush sbagliato
(Collage da Canva)

Questo accade in particolare con il fondotinta, il correttore e naturalmente con il blush. Val la pena ricordare che il blush si differenzia dalla terra in virtù del suo utilizzo. La terra serve infatti a scolpire e definire i contorni del viso mentre il blush ha il compito di riprodurre il colore della pelle “arrossata” da un improvviso afflusso di sangue, come quando arrossiamo per un’emozione forte.

Questo implica che il colore delle guance arrossate cambia sulla base del colore della pelle. Se la pelle è pallida, “arrossiremo” con un colore rosato (cioè il rosso del sangue “filtrato” da strati di pelle bianca). Se però la pelle è abbronzata, il giallo dell’abbronzatura altererà il rosso del sangue che si diffonde sotto la superficie della pelle facendoci arrossire con un color pesca / aranciato.

Questo significa due cose: se in inverno utilizziamo un colore freddo come blush, in estate non otterremo lo stesso effetto. Al contrario, appariremo più pallide di quanto siamo realmente.

In genere, quindi, in estate tendiamo ad acquistare prodotti color pesca o comunque di un colore caldo. Proprio nel fare questi “acquisti” a cui non siamo abituate è molto facile commettere degli errori.

Gli errori in questione possono essere due:

  • abbiamo scelto un blush troppo aranciato
  • abbiamo scelto un blush ancora troppo freddo

In entrambi i casi non bisogna assolutamente disperare, perché la teoria dei colori ci suggerisce come porre rimedio alla questione.

Se il blush è troppo caldo lo si potrà “riequilibrare” sovrapponendo una polvere fredda, come il nostro classico blush invernale. Se però non avessimo quel particolare blush a disposizione varrà la pena di sacrificare anche un ombretto rosato.

Al contrario, se il blush appena acquistato ha un colore troppo freddo lo si potrà correggere utilizzando ombretti dorati o aranciati.

Questa tecnica si chiama “neutralizzazione” e tende a “deviare” i colori troppo caldi o troppo freddi verso l’ampia zona dei colori che si possono definire “neutri” cioè quasi perfettamente equilibrati e simili all’effettivo colore della pelle.

Può essere messa in atto sia quando il colore è già stato applicato sul viso sia prima di applicare il blush. In questo caso basterà utilizzare un pennello molto morbido e raccogliere prima il colore “sbagliato” e poi la sua correzione.

I risultati migliori si ottengono con i prodotti in polvere fina e dal finish matte. Questo tipo di polveri sono infatti molto più leggere e semplici da sfumare rispetto ai prodotti con un finish shimmer.

Battere leggermente il pennello prima di passarlo sulla pelle eviterà sgradevoli depositi di colore difficili da sfumare che si trasformeranno rapidamente in macchie più o meno evidenti!