Come scegliere il melone: trucchi e consigli per acquistare quello giusto

Come scegliere il melone maturo al punto giusto grazie a questi trucchi e consigli: ecco le cose di cui occorre tenere conto. 

Scegliere un melone maturo al punto giusto può non essere così scontato per tutti. Molti infatti vanno al supermercato acquistando il primo che capita con il risultato di portarsi a casa un melone troppo maturo o al contrario troppo acerbo e di conseguenza poco gradevole.

scegliere melone
Fonte: Canva

Tra i frutti estivi per eccellenza senza dubbio il melone è uno di quelli. Fresco e dolce è un classico da servire a fine pasto o accompagnato ad esempio al prosciutto come antipasto. Insomma ogni scusa è buona per gustarlo.

Ma come fare a scegliere il melone maturo al punto giusto da essere servito a tavola? Scopriamo trucchi e consigli per acquistare quello giusto.

Ecco i trucchi per scegliere il melone giusto

Il melone in base alle varietà è uno dei frutti che si trova tutto l’anno. Nei mesi freddi troviamo quello dalla polpa bianca, il cosiddetto melone invernale, mentre d’estate c’è quello classico con la polpa arancione, della qualità Cantalupo o retato.

scegliere melone
Fonte: Canva

Della famiglia delle  Cucurbitaceae, per intenderci la stessa di zucche, zucchine, angurie e cetrioli, il melone come visto, può essere di più varietà e colori, oltre a quelli già elencati possiamo trovarlo anche verde sempre tipico del periodo invernale.  

Volendoci soffermare sulla tipologia estiva, ovvero il classico melone retato o Cantalupo dalla colorazione arancione, scopriamo trucchi e consigli per scegliere quello maturo al punto al giusto.

Quando si acquista il melone dovremo attivare tutti i nostri sensi per capire il livello della maturazione e di conseguenza determinare la consistenza così come anche la qualità della sua polpa.

In particolare il primo approccio sarà quello di guardarlo esternamente e controllare se la buccia è integra e senza ammaccature visibili. Tantomeno non dovranno esserci tagli o rotture.

In questo caso la buccia dovrà essere rigata e ruvida. Anche il colore è importante, se notiamo che è troppo verde significa che è ancora acerbo. La consistenza poi non dovrà essere molle altrimenti significa che è andato troppo avanti con la maturazione.

In particolare nella varietà Cantalupo, il melone dovrà presentare una screpolatura vicino al peduncolo. Se qui ci sono molte grinze il frutto sarà più buono.

Inoltre, se il melone è maturato a terra dovremo notare come in una zona il colore sia più spento, ciò è positivo perché significa che il frutto non è stato raccolto in anticipo ma lasciato maturare al sole.

Dopo averlo controllato visivamente dovremo ora attivare l’olfatto. Quello estivo a differenza di quello invernale che è sostanzialmente inodore, sprigiona un buon odore già dalla buccia.

Se il profumo è dolce e piacevole significa che il melone è maturo. Al contrario se emana poco odore probabilmente è ancora acerbo.

Un altro trucco è quello di colpirlo con le nocche della mano. Se il suono che emette è sordo significa che è pieno e dunque maturo per essere consumato, al contrario se il suono è vuoto il frutto non è ancora pronto.

Infine, anche il peso gioca un ruolo importante. Se il melone è pesante significa che probabilmente ha incamerato molta acqua ed è quindi già maturo, succoso e saporito, al contrario se è leggero significa che è ancora acerbo.