Cottura a vapore: errori da non commettere per un risultato eccellente

Quando si sceglie una cottura a vapore dobbiamo porre attenzione a non commettere alcuni errori per ottenere un risultato eccellente.

Tra i metodi di cottura più salutari troviamo senza dubbio quella a vapore. Un modo semplice per cucinare un po’ di tutto, ma principalmente verdure, carne, e naturalmente il pesce.

cottura a vapore errori
Fonte: Canva

Ideale per chi è a dieta o se si vuole restare leggeri, la cottura a vapore ci permetterà di assaporare il vero gusto dei cibi, anche perché non si aggiungono condimenti mentre il cibo cuoce ma solo alla fine, una volta che serviamo il piatto.

Anche se in tanti pensano che la cottura a vapore sia semplice da fare può comunque nascondere alcune insidie. Scopriamo allora quali sono gli errori da non fare per eseguirla al meglio.

Ecco gli errori da non fare con la cottura a vapore

Esistono vari metodi per cuocere i cibi a vapore. Oltre al classico cestello da mettere sopra ad una pentola d’acqua, che può essere o in acciaio, in bambù o in silicone, ci sono anche le classiche vaporiere elettriche.

cottura a vapore errori
Fonte: Canva

Di questo genere di strumenti in commercio ne esistono molti e tutto sta a scegliere quella più funzionale alle proprie esigenze. Se ne può scegliere una più piccola se si cucina per una o due persone, fino ad un massimo di tre, con un paio di cestelli e una capacità totale che varia dai 3 ai 5 litri, fino ad arrivare a quelle grandi che prevedono 3 cestelli con una capienza che va dai 9 agli 11 litri.

Oltre a queste due dimensioni esistono anche le vie di mezzo, quindi l’acquisto di una vaporiera elettrica dovrà orientarsi in base alla quantità di persone per cui occorre cucinare.

Infine, tra i metodi di cottura al vapore, grazie alle più recenti tecnologie si possono anche utilizzare dei robot da cucina che hanno tale funzione, o forni a microonde e forni da incasso con la funzione cottura a vapore, appunto.

Se si opta per una vaporiera elettrica, anche in base al modello più o meno avanzato, si potrà contare su programmi già preimpostati che ci detteranno i tempi. Ma se invece non si hanno a disposizione tali strumenti come si effettua la cottura a vapore senza errori?

Se per cuocere a vapore disponiamo dei semplici cestelli forati o in bambù dovremo procedere con un’altra pentola da posizione sotto di essi. Vediamo allora quali sono gli errori da non fare.

1) Non aggiungere troppa acqua. L’acqua che andremo a mettere nella pentola grande non dovrà essere eccessiva. La quantità giusta si dovrà attestare al di sotto del cestello dove andremo a posizionare i cibi. L’acqua dunque non dovrà strabordare al piano di sopra altrimenti i cibi si bagneranno e l’effetto non sarà più quello di una cottura a vapore.

2) Non mettere troppo cibo sul cestello. Se esageriamo con le quantità di cibo disposto sopra al cestello finiremo per cuocere male e soprattutto in modo disomogeneo i nostri alimenti. Alcuni risulteranno troppo cotti e dunque mollicci, altri invece potrebbero restare mezzi crudi.

3) Dividere i cibi. Se dobbiamo cucinare verdure e pesce il consiglio è di fare una prima tornata solo con le verdure, e una seconda solo con il pesce, altrimenti rischiamo di mescolare i sapori. Oppure se vogliamo cuocere tutto insieme, la soluzione è mettere più cestelli, in questo caso potremo cuocere tutto quanto, impilando i vari cestelli.

4) Fare pezzi tutti della stessa dimensione. È importante tagliare i pezzi tutti della stessa dimensione o spessore così che possano cuocere in modo omogeneo.

5) Abbassare il fuoco quando l’acqua giunge a ebollizione. Mettiamo la pentola con l’acqua e il cestello sopra di essa sul fuoco e copriamola fino a che non giunge ad ebollizione. A quel punto dovremo mettere il cibo sul cestello e ricoprire abbassando però la fiamma, altrimenti l’acqua potrebbe evaporare tutta prima che il cibo sia cotto.