Maddalena Corvaglia: festività particolati per lei, parole toccanti

Feste particolari per Maddalena Corvaglia. La showgirl racconta ai followers il momento che sta affrontando con la propria famiglia.

Maddalena Corvaglia, con un post pubblicato su Instagram, condivide con i fan il momento particolare che sta affrontando con la propria famiglia. Per la showgirl, infatti, le feste di Natale sono state decisamente diverse. La showgirl, tuttavia, non perde il sorriso e racconta ai followers cosa sta affrontando.

maddalena corvaglia
Fonte https://www.instagram.com/maddalena_corvaglia/

Con un sorriso accennato come vedete nella foto qui in alto, la Corvaglia si mostra in una stanza d’ospedale. Nella foto che vedete, l’ex velina di Striscia la Notizia si trova al San Raffaele dove è rimasta accanto alla mamma sottoposta ad un’operazione chirurgica.

Maddalena Corvaglia, le parole commuovono i fan

Maddalena Corvaglia ha trascorso il Natale accanto alla propria mamma e, con un lungo post pubblicato su Instagram, ringrazia tutto il personale medico che, ogni giorno, assiste i malati provando anche a non farli sentire soli in un momento così difficile dal punto di vista sanitario come quello che stiamo vivendo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE—>È stata una delle letterine più belle e amate: oggi, a 43 anni, è così

maddalena corvaglia
Fonte https://www.instagram.com/maddalena_corvaglia/

“Io sono al San Raffaele,
dove mia mamma è ricoverata da un po’ di giorni.
Ha subito un intervento di sostituzione della valvola aortica, è da pochi giorni
uscita dalla terapia intensiva,
ed il nostro Natale, dopo 20 anni in Puglia, per la prima volta lo trascorriamo a Milano,
nel reparto di cardiochirurgia del SanRaffaele, insieme a medici ed infermieri che, a loro volta in questo giorno speciale, fan dei loro pazienti le loro famiglie.
In un momento storico in cui ci sentiamo cibo per statistiche, in cui sembrano dimenticati l’aspetto umano ed il valore della vita…
È stato un dono ed una gioia per me conoscere la realtà ospedaliera del SanRaffaele di Milano.
Ringrazio profondamente il prof. Alessandro Castiglioni che ha preso a cuore il cuore di mia mamma ed il prof. Alberto Zangrillo, tutta l’équipe della terapia intensiva ed il reparto di cardiochirurgia: caposala, medici, infermieri … e personale tutto.
Non solo per la professionalità con cui svolgono quotidianamente il loro lavoro, ma soprattutto per non aver perso col tempo un aspetto Fondamentale per il paziente : QUELLO UMANO.
Chi è stato in un ospedale lo sa bene: quando stai male e sei lontano da casa, dalle tue abitudini e dai tuoi cari …
Una parola di conforto o un sorriso valgono più dell’oro.
Questo post vuole essere, oltre che un personale ringraziamento frutto dell’esperienza che sto vivendo in prima persona, anche un messaggio di fiducia x tutti voi che siete spaventati e un po’ sfiduciati.
Non lasciate che gli sbagli e l’arroganza di pochi intacchino la fiducia che sempre avete avuto nelle figure ospedaliere.
Quando un nostro caro non sta bene, ci sentiamo impotenti perché la sua salute è nelle mani di altre persone , nelle quali abbiamo bisogno di riporre la nostra fiducia.
Ecco perché ci tenevo a dirvi che ce ne sono ancora tante di brave persone, di professionisti che ogni giorno si prendono cura del prossimo con compassione e dedizione”.