Dalla spa nei boschi alla meditazione in monastero: tre idee per un weekend rilassante

Senti il bisogno di staccare un po’ la spina ma, allo stesso tempo, sei alla ricerca di qualcosa di più della solita capitale europea o dei soliti mercatini di Natale? La buona notizia è che il cosiddetto destination tourism è al centro della ripresa turistica post-covid con più di un quarto della spesa turistica oggi destinata a “esperienze”, appunto, come dormire in posti famosi o prendere parte alla rituale raccolta dell’uva o delle olive. Ecco, allora, tre idee per un weekend rilassante che potrebbero fare al caso tuo se quello che cerchi è una vacanza, seppure breve, capace di rigenerare corpo e spirito.

Alla ricerca di idee per un weekend rilassante? Ecco tre proposte

Non sarà certo la più inedita delle proposte, ma prenotare un soggiorno in hotel con centro benessere, programmare un weekend alle terme o riservare una spa in Trentino-Alto Adige è un ottimo modo per ricaricarsi nel fine settimana, dopo lo stress degli impegni lavorativi e per arrivare più energici al lunedì. Non è sempre necessario spostarsi molto considerato che quasi tutte le regioni italiane hanno i propri centri termali di riferimento e, soprattutto, controllare che si possa arrivare al proprio hotel con spa anche con i mezzi è un’ottima idea se non ci si intende far guastare il weekend rilassante da ore e ore da passare nel traffico al rientro. Se è vero che ogni struttura propone ai propri clienti percorsi e pacchetti differenti e personalizzabili, meglio informarsi in anticipo su quali siano le “specialità” del posto: oltre a godersi bagni termali in piscine riscaldate con vista su sentieri da trekking o piste da sci, in alta quota per esempio non sono da perdere trattamenti tradizionali e piuttosto benefici per il corpo come il bagno di fieno.

Un ritiro yoga è sicuramente un’idea più originale per un weekend rilassante. Scuole e centri di yoga ne organizzano in tutta la penisola, spesso scegliendo location suggestive come qualche isola minore o dei piccoli borghi medievali, ma anche, restando più vicini alle città, parchi e boschi lontani da traffico e rumori del centro. Ce ne sono, soprattutto, di adatti sia a chi vuole avvicinarsi allo yoga e per la prima volta sale su un tappetino e sia a chi ha già una certa familiarità con la disciplina e vuole imparare una nuova tecnica. Spesso un ritiro di yoga è anche un’ottima occasione per provare la cucina macrobiotica o vegana, per chi non ha paura di sperimentare.

Più in generale le discipline orientali sembrano essere un “must” del momento per chi intende offrire esperienze originali ai propri clienti. Se la tua idea di weekend rilassante si avvicina molto al totale distaccarsi da famiglia, colleghi, amici e impegni di qualsiasi tipo, potresti provare così un ritiro di meditazione. I centri buddisti sparsi per l’Italia ne organizzano di diversi, quasi sempre con preludi teorici alla disciplina; anche sempre più monasteri, però, aprono le porte nei fine settimana ai laici che vogliono vivere momenti di intimità con sé stessi. Anche in monastero, per altro, avrai modo di immergerti in uno stile di vita decisamente più parco e frugale.