Le uova strapazzate ti vengono male? Ecco gli errori che dovresti evitare

uova strapazzate
fonte foto: Adobe Stock

Scopri quali sono gli errori più comuni e che andrebbero sempre evitati quando si cucinano le uova strapazzate.

Quando si parla di uova, le ricette sono davvero tantissime. Eppure, una delle più apprezzate, sia per questioni di tempo che di gusto è quella delle uova strapazzate.

Sebbene sulla carta si tratti di una ricetta semplice da realizzare, ci sono diversi errori che portano ad ottenere un risultato non ottimale. Oggi, quindi, scopriremo insieme quali sono le cose da non fare mai e come ottenere delle uova strapazzate che siano cremose al punto giusto e decisamente belle da vedere e buone da mangiare.

Le uova strapazzate non vengono come vorresti? Ecco dove sbagli e come rimediare

uova strapazzate
fonte foto: Adobe Stock

Chiunque si è cimentato almeno una volta nella cottura delle uova strapazzate. Un piatto spesso considerato di recupero ma che se ben preparato può essere davvero deliziose. Ottime da gustare a colazione, nell’insalata, come secondo e persino per guarnire un panino, le uova strapazzate richiedono in realtà più attenzione di quanto si pensi. Attenzione che prevede la messa in atto di alcuni accorgimenti in grado di evitare gli errori più comuni. Scopriamo quali sono?

LEGGI ANCHE -> Il parmigiano è diventato duro? Ti sveliamo come usarlo per evitare sprechi

Aprirle direttamente in padella. Il primo errore che andrebbe sempre evitato è quello di aprire le uova direttamente in padella. È infatti preferibile usare una ciotola dove condirle nel modo giusto per poi versarle solo quando la padella è abbastanza calda da accoglierle nel modo giusto. Una precauzione che non tutti considerano e che viene spesso sottovalutata. Peccato che i risultati parlino spesso da soli donando uova strapazzate poco gustose e spesso anche esteticamente poco gradevoli.

Cuocere le uova nella padella fredda. Un altro errore comune che si fa spesso quando si cucina questo tipo di piatto è quello di versare le uova nella padella ancora fredda o non sufficientemente riscaldata. Ciò porta ad una cottura poco uniforme che spesso spinge le uova a seccarsi. Il segreto, in questi casi, è quello di scaldare a dovere la padella, ungendola prima con un po’ d’olio. Quest’ultimo si può anche asciugare quasi del tutto con un panno assorbente ma è importante che sia presente in minima parte per ungere il padellino. Quando questo sarà caldo si potrà poi procedere con la cottura delle uova.

Tenere la fiamma troppo alta. Spesso, si sceglie di preparare le uova strapazzate perché si ha fretta o si desidera avere un piatto pronto in pochi minuti e tutto da gustare. Per questo motivo si incorre spesso nell’errore comune di alzare la fiamma, rendendo l’uovo secco e a volte arrivando persino a bruciarlo. La verità è che le uova strapazzate devono essere cremose. Cotte al punto giusto ma morbide abbastanza da dare la sensazione di sciogliersi in bocca. Per farlo, però, occorre scaldare per bene la padella prima e lasciarla andare poi a fiamma lenta e possibilmente usando un coperchio. Una scelta che farà la differenza portando ad un risultato davvero ottimale.

Mescolarle con la forchetta. Per delle buone uova strapazzate è importante far sì che durante la cottura non si secchino. Questo significa muoverle di tanto in tanto. È però decisamente errato aiutarsi con forchette o altri utensili in metallo perché oltre a rischiare di graffiare la padella possono rompere o strapazzare eccessivamente le uova. Per mantenerle morbide, una buona abitudine è quella di usare delle bacchette, proprio come fanno i giapponesi. In questo modo si otterrà un ottimo risultato.

Non curare l’impiattamento. Infine, è importante curare l’impiattamento e trattare questo piatto con il giusto rispetto. Presentarlo in modo esteticamente gradevole è molto meglio che sbattere tutto su un piatto e mangiare. E sempre per quanto riguarda il momento in cui si portano a tavola, sarebbe meglio che le uova fossero ancora abbastanza calde. La cosa cambia solo se vanno inserite in un’insalata o in un panino, situazione in cui è meglio raffreddarle un po’ per non rischiare di “bruciare” gli altri ingredienti.

LEGGI ANCHE -> L’uovo in camicia non ti riesce mai? Ecco l’errore che devi assolutamente evitare

Imparare ad evitare questi errori comuni è molto più semplice di quanto si pensi e da modo di ottenere delle uova strapazzate così buone da rappresentare un piatto da scegliere quando si ha voglia di qualcosa di goloso e non più solo per avere qualcosa di veloce da cucinare. Un piatto che con i giusti accostamenti potrà essere servito anche ad eventuali ospiti. Avete mai provato, ad esempio, ad offrirle su una bruschetta di pane?