Dad tutti i trucchi degli studenti online per saltare le lezioni

Da quando la Dad è diventata un male necessario per gli studenti italiani, si moltiplicano i trucchi per aggirare i controlli dei professori

dad trucchi pixabay

Fatta la Dad, trovato l’inganno. Perché ormai da un anno gli studenti italiani hanno imparato a conoscere sulla loro pelle la Didattica a distanza e alcuni l’hanno dovuta sopportare anche a lungo.

Ma se i più piccoli e le loro famiglie, nonostante le difficoltà che questa rivoluzione ha significato, sono riuscito a stare dietro alla rivoluzione, gli studenti più grandi hanno anche trovato i modi per eludere lezioni e controlli.

Una volta chi voleva, poteva semplicemente fare ‘filone’ come si dice in certe regioni, cioè far finta di andare a scuola e poi andarsene in giro.

Ora con la Dad è paradossalmente più difficile ma i metodi per non seguire le lezioni ci sono e si moltiplicano giorno dopo giorno. Anzi, alcuni li hanno anche codificati con una serie di tutorial postati sui social nei quali spiegano come evitare lezioni noiose e interrogazioni a sorpresa.

Piattaforme social come TikTok, Whatsapp e Youtube hanno diffuso a raffica video che illustrano al meglio alcuni trucchi, come se genitori e insegnanti non fossero capaci di vederli pure loro.

E uno dei trucchi più gettonati, soprattutto tra i liceali, è quello legato ai problemi di linea. Servono per collegarsi in ritardo, fingendo che internet non funzioni bene, oppure scollegarsi prima del tempo senza mai fare ritorno

Tutti i trucchi per evitare le interrogazioni o per copiare in Dad

pixabay

Ma ci sono trucchi efficaci e semplici per trasmettere immagini più sfocate del normale, oppure per bloccarle (ma solo alla vista di chi sta guardando) o ancora per pixellare il volto.

Così i furbetti della Dad possono simulare problemi nel collegamento quando invece sta funzionando benissimo. Per non parlare poi dei disturbi sul collegamento audio che possono essere scaricati da Youtube e ricaricati sul nostro terminale (ma non vi diciamo come).

E chi garantisce che durante una interrogazione online lo studente non abbia sotto mano il libro aperto per leggere le risposte e ingannare il professore? Nessuno in realtà, sta alla sua buona fede.

Ma nel caso, per non farsi scoprire, esiste un sotterfugio. Visto che abbassare gli occhi significa automaticamente barare, basterà collegare il pc o il tablet con un altro terminale sul quale sono caricate le pagine del libro o le risposte. Così, guardando la videocamere del terminale da cui sono collegati, gli studenti non possono essere scoperti.

C’è addirittura chi ha scoperto un altro metodo per fregare i professori in Dad. Una estensione di Google Meet permette di partecipare alla lezione al posto dell’alunno, inserendo data e ora della riunione, in quel caso della lezione: per non parlare di quelli che appoggiano il nastro adesivo sulla webcam in modo che i professori non riescano a vederli bene.

Può servire a chi deve copiare ma anche a chi, più semplicemente vuole fare altro durante la lezione senza farsi scoprire.

Da leggere