Paul Gascoigne: chi è: età, altezza, carriera, vita privata, Instagram, curiosità

paul gascoigne
Foto di Instagram

Paul Gascoigne chi è: età, altezza, carriera, vita privata, Instagram, curiosità e tutto quello che c’è da sapere sull’allenatore ed ex calciatore.

Paul John Gascoigne, detto “Gazza”, è un allenatore di calcio ed ex centrocampista inglese di 53 anni. Noto per il suo talento calcistico e per i suoi problemi di alcol, droga e disturbi psichici, è conosciuto in Italia per aver giocato nel Lazio dal 1992 al 1995. Paul Gascoigne è ufficialmente uno dei naufraghi de L’Isola dei Famosi 2021, condotto da Ilary Blasi, con inviato speciale Massimiliano Rosolino.

  • Nome: Paul John Gascoigne
  • Soprannome: Gazza
  • Segno Zodiacale: Gemelli
  • Età: 53anni
  • Data di nascita: 27 maggio 1967
  • Luogo di nascita: Gateshead (Inghilterra)
  • Professione: allenatore ed ex centrocampista
  • Altezza: 177 cm
  • Peso: 74 kg
  • Tatuaggi: diversi, tra cui il nome della sua ex moglie Sheryl sull’avambraccio destro, e il volto della figlia Bianca sulla schiena
  • Profilo Instagram Ufficiale: @paul_gascoigne8

Paul Cascoigne: vita privata e biografia

Foto di Instagram

Paul John Gascoigne nasce il 27 maggio del 1967 a Gateshead, in Inghilterra sotto il segno zodicale del Gemelli. Figlio di un manovale (John) e di un’operaia (Carol), il talento calcistico del giovane Gascoigne viene notato da diversi talent scout quando va ancora a scuola. Entra nella squadra giovanile del Newcastle, ma non riesce ad esprimere al meglio il suo talento a causa del sovrappeso e dello scarso impegno. Paul viene, infatti, descritto come un ragazzo instabile e ribelle, forse a causa della situazione non facile vissuta nei primi anni di vita.

Impegnato in ambito calcistico fino al 2004, Gazza vanta anche diverse presenze nella nazionale inglese, ed è noto in Italia per essere stato titolare nella Lazio dal 1992 al 1995.

É stato sposato dal 1996 al 1998 con Sheryl, da cui ha avuto un figlio: Regan.

Sono noti i suoi problemi di abuso di alcol e sostanze stupefacenti, nonché i suoi problemi di ansia e depressione che lo hanno portato a tentare il suicidio nel 2008.

Paul Gascoigne: il suo periodo alla Lazio e la carriera

All’età di 28 anni entra da titolare nella squadra scozzese, Rangers, lì più maturo e regolare, in Scozia trova stabilità e costanza nel gioco. Regalando sempre momenti stravaganti e divertenti durante le partite, Gazza, “ripulisce” la sua immagine da ribelle, irriverente e incostante, e vince due campionati, la coppa scozzese e il torneo nazionale.

Viene convocato in nazionale per la prima volta nel 1988, facendosi notare per il suo carattere esuberante, durante il mondiale del 1990. Dopo varie presenze, chiude la carriera in nazionale nel 1998, quando non fu convocato per il Mondiale in Francia.

Il decennio 1990-2000 è caratterizzato per il giocatore da diversi cambi squadra; si sposta dal Middlesbrough, all’Everton al Burnley, tutti in terra britannica.

È il 1992 quando il venticinquenne Paul Gascoigne approda alla Lazio. Esordisce con la maglia biancoceleste il 27 settembre del 1992 contro il Genoa. Conquista subito un posto da titolare e si emoziona fino alle lacrime per il suo primo goal con la Lazio.

Anche durante l’esperienza in Italia, Paul si infortuna; durante un allenamento si scontra violentemente con Alessandro Nesta, il risultato è una frattura scomposta di perone e tibia destri. Rimane fermo per un anno, e torna in campo nel 1995, ultimo anno per lui in casa Lazio.

Il Gazza chiude la sua carriera nel 2004, quando gioca la sua ultima partita con il Boston United.

Dopo la carriera da centrocampista, Paul comincia ad allenare. È il 2005 quando allena per soli 2 mesi l’Algave United, in Portogallo; dopo i 2 mesi da mister, a Gazza non viene fatto alcun tipo di contratto, e così abbandona l’esperienza. Torna, nello stesso anno, in patria inglese, allenando il Kettering Town. I problemi con l’alcol però lo fanno desistere solo 39 giorni: viene sollevato dall’incarico per problemi comportamentali dovuti proprio all’abuso di alcol e droghe.