Raccolta differenziata: consigli utili per farla correttamente

Spesso la fretta ci fa commettere errori in particolar modo quando si gettano i rifiuti, scopriamo come fare la raccolta differenziata correttamente.

Raccolta differenziata
Foto:Adobe Stock

Ormai in tutti i comuni d’Italia si procede alla raccolta differenziata, infatti tutti i cittadini si sono abituati a questo nuova procedura. Ma in molti pensano di farla correttamente ma non è sempre vero, purtroppo si commettono errori. Quando si devono separare i rifiuti riciclabili e non è necessario prestare attenzione vanno collocati nella pattumiera giusta, ci sono sanzioni per i cittadini che non l’eseguono nel modo corretto.

Noi di CheDonna.it vi diamo qualche piccolo consiglio su come fare la raccolta differenziata correttamente.

Come fare la raccolta differenziata: consigli ed errori da evitare

Foto da iStock

Prestare attenzione alla raccolta differenziata è davvero importante, per evitare di mettere nella pattumiera dell’indifferenziata rifiuti riciclabili. Noi vogliamo darvi qualche piccolo consiglio su come differenziare correttamente i rifiuti così da evitare errori.

Nella pattumiera della plastica, dovete mettere tutto ciò che può essere riciclato. Se avete un dubbio basta leggere l’etichetta, di solito è sempre riportato sulla confezione. Sicuramente per plastica si intendono:

  • buste della pasta e caramelle
  • vaschette del gelato
  • vasetti di yogurt
  • contenitori di frutta e verdure: a volte si acquistano le cassette in legno contenenti vaschette in plastica dove si ritrova frutta e verdura. Separate i due materiali, solo la vaschetta della plastica va in pattumiera.
  • incarti trasparenti di brioches e caramelle
  • tappi di succhi, acqua, latte e bevande

Ma accertatevi prima di riporre nella pattumiera dovete lavare bene i contenitori così da essere sicuri di aver rimosso eventuali residui di cibo liquido o solido.

Alluminio e metallo di solito vanno insieme, ci sono alcuni comuni che prevedono di mettere nella stessa pattumiera alluminio e plastica. A prescindere ricordate dolo di rimuovere le etichette adesive se sono di carta no. Per rimuovere le etichette seguite qualche piccolo consiglio per farlo in fretta. Per ridurre il volume della plastica, quando gettate le bottiglie schiacciate leggermente dopo aver rimosso le etichette e mettete nella pattumiera. Se le bottiglie contenevano bevande zuccherate o qualsiasi altra cosa che non sia acqua è necessario lavarle bene.

Nella pattumiera della carta non vanno gli scontrini fiscali perchè sono “carte termiche”, che contengono bisfenolo A. Per questo motivo vanno nell’indifferenziata perchè se vengono riciclati con la carta possono inquinare le acque e l’ambiente. Invece nella carta potete mettere giornali, scatoli di cartone di merendine e snack, carta di quaderni, piegateli sempre per ridurre volume. Anche l’involucro dei succhi di frutta, latte e confezioni porta-uova in cartone. Ricordate sempre di appiattire scatoli voluminosi.

Il dubbio che tutti hanno è se mettere i tovaglioli di carta nell’organico o nell’indifferenziata, sicuramente è corretto buttarli nell’organico se si tratta di materiali biodegradabili. Nell’organico mettete anche le cialde del caffè se sono biodegradabili, basta leggere sullo scatolo. Ma non dimenticate che i rifiuti organici vanno posti nei sacchetti biodegradabili.

Il vetro si differenzia quindi non mettete nell’indifferenziata, l’unica accortezza è di rimuovere l’etichetta adesiva. In caso di bicchieri rotti invece ponete attenzione possono contenere piombi pesanti che non si possono riciclare, quindi via libera nella pattumiera dell’indifferenziata. Assorbenti e pannolini dei piccoli vanno assolutamente nell’indifferenziata.

Foto da iStock

Gli oggetti che non si possono differenziare sono diversi come: piatti e posate sporche, spazzolini da denti, cd e dvd, i giocattoli, i fiori finti, pennarelli e penne, ma anche gli oggetti in porcellana.

Ma i buttare nell’indifferenziata pile, e medicinali scaduti in questo caso si provvede alla raccolta nei negozi addetti.

Da leggere