Ruta: proprietà, benefici e controindicazioni

Tutto quel che c’è da sapere sulla ruta, una pianta ricca di proprietà benefiche.

ruta
fonte foto: Adobe Stock

Da sempre conosciuta come aroma naturale, soprattutto per gli alcolici, la ruta è una pianta che offre comunque altri vari benefici all’organismo.
Pianta dalle foglie arrotondate e dai fiorellini gialli molto gradevoli, la ruta è un valido aiuto per il fisico. Vediamo insieme ciò che c’è da sapere sulla ruta.

Tutto sulla ruta: proprietà, controindicazioni e curiosità

ruta
fonte foto: Adobe

La ruta (Ruta graveolens L.) è un arbusto appartenente alla famiglia delle rutacee, e cresce spontanea anche in Italia, fino ai 1000 mt. Di altitudine. Originaria dell’Europa meridionale, è abbastanza diffusa anche in Asia.
Mentre fiori e foglie vengono da sempre utilizzati per aromatizzare le grappe, distillati liquori, i semi vengono usati come spezia, per insaporire le carni selvatiche.

La ruta è conosciuta si dai tempi dei Romani antichi, i quali credevano che questa pianta avesse la capacità di “negare i corpi a Venere”, diminuendo il desiderio negli uomini. Il vino alla ruta era molto in voga negli antichi ambiti viziosi. Nel medioevo molti monaci erano usi ad aggiungere foglie di ruta alle loro insalate, proprio per contrastare la libido. Pare addirittura potesse tener lontani demoni e spiriti se coltivate davanti a casa. Demoni e spiriti non sappiamo, ma di sicuro topi mosche e zanzare si.

La pianta di ruta è un repellente naturale, in realtà l’intera pianta risulta essere tossica anche se in maniera lieve. L’utilizzo massivo, infatti, potrebbe portare diversi tipi di problemi al fisico umano.
La ruta ha, tuttavia, anche molte proprietà benefiche per l’organismo. I suoi oli essenziali, infatti, contengono sostanze che aiutano l’organismo:

  • Cumarine
  • Furanocumarine
  • Fenoli
  • Alcaloidi
  • Aminoacidi
  • Saponine
  • Flavonoidi

La ruta possiede molte proprietà sedative e digestive, regola l’intestino e svolge funzioni carminative (consente la fuoriuscita di gas da stomaco ed intestino). Una delle funzioni più spiccate della ruta è quella di stimolare l’afflusso di sangue alle regioni centrali del corpo femminile, stimolando così l’inizio del ciclo mestruale.

In ogni caso è sempre consigliabile sentire il proprio medico ed in caso utilizzare i prodotti confezionati a base di ruta anziché fare da soli, in quanto la tossicità della pianta potrebbe, se usata in modi e dosi sbagliate, causare intossicazioni, a volte anche gravi.
Tra le altre proprietà della ruta troviamo:

  • Antidolirifica
  • Antispastica
  • Antiinfiammatoria
  • Contraccettiva
  • Antibiotica
  • Depurativa
  • Antivirale
  • Lenitiva
  • Rilassante
  • Cicatrizzante

Oltre a ciò la ruta secondo la medicina popolare è un aiuto per molti stati dolorosi come mal di denti, mal di schiena, otiti e crampi, ma è anche utile contro i parassiti intestinali, la diarrea, febbri e infezioni, anche della pelle.

La ruta è molto utilizzata in omeopatia e fitofarmacia per lenire doli muscolari, distorsioni, problemi ai tendini, lesioni da impatto, spasmi, traumi articolari,e affaticamento in generale. La ruta apporta 16 Kcal per 100g di pianta e contiene un composto chiamato “rutina”, un antiossidante che aiuta a rafforzare le pareti dei vasi capillari.

Come consumarla e quali sono le controindicazioni

ruta
fonte foto: Adobe Stock

La ruta, oltre ad unguenti, capsule ed oli essenziali, tisane e decotti (tutti rigorosamente già confezionati), si utilizza per aromatizzare le carni selvatiche, e le grappe, per dar loro un tocco in più.

Come già abbondantemente scritto sopra, la ruta è una pianta con un elevato tasso di tossicità. Assumere ruta in quantità elevate può avere effetti gravi sulla salute.
L’assunzione di ruta è altamente sconsigliata alle donne in stato di gravidanza, in quanto può provocare aborto.
Ribadiamo il concetto di “non avventurarsi” nel fai date utilizzando le foglie di ruta per preparare rimedi naturali in casa, molto meglio comprare prodotti confezionati dalle case farmaceutiche. In ogni caso consigliamo sempre di rivolgersi al proprio medico curante per ogni eventuale problema o dubbio in merito.

Da leggere

Articoli che potrebbero interessarti