Chi è? La cantante punk pop degli anni 2000 che è rimasta uguale ad allora

Volevano fare di lei la nuova Britney Spears ma questa cantante punk pop degli anni 2000 non ha mai accettato di tradire la sua personalità: oggi è cambiata pochissimo, anche se molti la credevano morta!

Avril Lavigne da piccola vip da piccoli
(Instagram)

Cantante Canadese ma di origini britanniche e francesi, quest’artista ha capito fin da piccolissima che la sua unica vocazione era la musica. Ha infatti deciso di abbandonare gli studi senza nemmeno conseguire il diploma per dedicarsi esclusivamente alla composizione di brani.

Ha imparato a strimpellare la chitarra di suo padre quando aveva appena 13 anni, esercitandosi su una canzone di Lenny Kravitz.

16 anni, dopo aver abbandonato la scuola, ha cominciato a proporre le sue canzoni a varie case di produzione musicale, ma le cose non sono andate subito bene. Il problema principale di questa cantante, paradossalmente, era la sua grande bellezza e un viso angelico. 

I produttori musicali avevano quindi l’idea di utilizzare queste sue fantastiche caratteristiche fisiche per modellare la sua immagine su quella delle cantanti pop che in quegli anni stavano avendo un successo mondiale, come Britney Spears e Christina Aguilera.

Fortunatamente però la determinazione di questa cantante la aiutò a salvare la sua vera personalità dalle ingerenze dei produttori musicali e quindi decise di registrare a proprie spese i primi brani che aveva scritto, cominciando a farsi conoscere dai fan in maniera autonoma.

Da un certo punto in poi, ovviamente, le case discografiche capirono che era il caso di assecondare la volontà della cantante: piuttosto che cambiarla decisero di investire sulla sua personalità unica e la trasformarono in un’icona vivente degli anni 2000.

La cantante pop rock che dagli anni 2000 non è cambiata affatto!

Avril Lavigne da piccola vip da piccoli
(Instagram)

Naturalmente stiamo parlando di Avril Lavigne, classe 1984 e oggi splendida 37enne.

Diventata famosa per il suo abbigliamento da maschiaccio e per il suo atteggiamento per nulla ammiccante, Avril Lavigne piacque moltissimo sia ai ragazzi sia alle ragazze della sua generazione. Se i ragazzi infatti la trovavano bellissima, le ragazze vedevano in lei un modello forte e indipendente a cui ispirarsi.

Le sue prime, indimenticabili hit, furono Complicated e Sk8erboy

Al culmine della sua fama, cioè nel 2003, i genitori di Avril si separarono e, da allora, la cantante ha spiegato di aver messo piede per la prima volta nella sua vita da adulta.

In quello stesso periodo cominciò a circolare una teoria complottista secondo la quale la vera Avril era morta per cause misteriosi e la sua casa di produzione aveva deciso di rimpiazzarla con una sosia pur di non perdere i soldi generati dal suo nome.

Questa teoria si basava sul confronto e sulla profonda analisi di fotografie “prima e dopo” ed elencava una lunga serie di piccole differenze fisiche tra la “vera Avril” e la “sosia” che ne aveva preso il posto.

Il nome che i fan che credevano alla teoria della cospirazione avevano inoltre attribuito alla sosia il nome di Vandella.

L’assurda teoria è stata più volte smentita dalla stessa Avril, che l’ha bollata come una vera e propria assurdità: “Io mi vedo uguale a quando avevo vent’anni. È assurdo che invece la gente pensi “la sua sosia le assomiglia tanto”. 

Del resto, non le si può fare tuti i torti: questa è una fotografia recentissima in cui, effettivamente, il tempo sembra essersi fermato per Avril.

Avril Lavigne da piccola vip da piccoli
(Instagram)

La bufala in merito alla morte della cantante e alla sua sostituzione con una sosia ha ricominciato a circolare negli ultimi anni, durante i quali la star è stata tenuta lontano dalle scene per misteriosi problemi di salute.

Tra il 2013 e il 2018 infatti Avril non ha lavorato, non ha registrato nuova musica e non ha fatto concerti. Molti avevano cominciato a sostenere che anche “Vandella” fosse morta, mentre il mistero che circondava la sparizione di Avril aveva origini molto più gravi e reali.

La cantante era stata infatti contagiata dalla malattia di Lyme alla fine del 2014 e fino al 2017 è stata sotto costanti cure e osservazione da parte dei medici.

La malattia di Lyme, che si contrae a seguito del morso di una zecca infetta, può avere due tipi di decorsi: nel caso meno grave provoca eritemi ed eruzioni cutanee di scarsa importanza ma, nel caso in cui la malattia non sia trattata per tempo e in maniera appropriata, può provocare gravi danni alle ossa e al sistema nervoso.

“Avevo accettato la mia morte, avevo la costante sensazione di affogare” ha dichiarato Avril in una lettera aperta ai fan di tutto il mondo nel 2018. La malattia di Lyme causa anche profonda stanchezza e continua mancanza di energie, tanto che risulta praticamente impossibile per la persona ammalata svolgere attività fisiche o mentali.

Dal momento che la malattia di Lyme ha gli stessi sintomi della depressione, la diagnosi di un problema di salute mentale era stata la prima ad essere presentata dai medici alla cantante, ma la verità era molto diversa.

Fortunatamente Avril è guarita e ha potuto inaugurare una nuova fase della sua carriera, mandando in stampa un progetto discografico intitolato Head Above Water, cioè “La Testa Oltre l’Acqua”. Il riferimento al momento in cui la cantante si è resa conto di essere riuscita finalmente a superare la sua malattia è chiarissimo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Avril Lavigne (@avrillavigne)

Nei mesi seguenti all’uscita del disco, Avril ha potuto andare in tournée in tutti gli Stati Uniti, ritrovando per la prima volta dopo tantissimo tempo il contatto con il pubblico e con i fan che non l’avevano mai dimenticata. Il tour è stato un successo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Avril Lavigne (@avrillavigne)

Purtroppo la Pandemia di Coronavirus ha interrotto di nuovo il lavoro sulle scene di questa cantante punk pop simbolo degli anni 2000, ma Avril non si è arresa.

Vuoi continuare a giocare con Chedonna? Indovina gli altri personaggi famosi leggendo tutti gli articoli sui Vip da Piccoli!

Avril Lavigne oggi
(Instagram)

Il suo ultimo lavoro è un singolo dedicato a tutti coloro che continuano a combattere il Coronavirus per arrivare il più velocemente possibile alla fine della Pandemia. Il titolo è “Noi Siamo Guerrieri” e il look di Avril è chiaramente ispirato a quello di Lagerta, protagonista femminile della serie Vikings.