Bambino di 9 anni morto a Bari: la Procura parla di indagini per istigazione al suicidio

Un bambino nel territorio barese è morto a 9 anni, si ipotizza in questo caso l’istigazione al suicidio. Le indagini lasciano senza parole. 

indagini from pixabay

Una notizia davvero sconcertante e troppo difficile, se non impossibile, da digerire. Come si può parlare di un bambino di appena 9 anni che si è tolto la vita ed addirittura le indagini procedono sulla scia dell’istigazione al suicidio?

Purtroppo però è quanto successo ieri nel territorio barese, una tragedia senza precedenti per la famiglia di questo povero bambino che ovviamente è distrutta dal dolore della perdita di un’anima fin troppo piccola per andar via.

Ma cosa è accaduto veramente? Cosa ha spinto il bambino ad un gesto così tanto sconsiderato e che ha avuto le conseguenze peggiori immaginabili. Le indagini proseguono ma quello che si evince è sconcertante.

Muore suicida bambino ad appena 9 anni: la prima ipotesi è quella di istigazione

cameretta
una cameretta vuota Foto:Freepik

Secondo quanto si apprende dai primi accertamenti effettuati dalla Polizia, a trovare il bambino appeso ad un cordicella sarebbe stata la madre, medico, la quale ha subito prestato i primi soccorsi in attesa del 118.

Subito la Procura, sospettando che potesse trattarsi di una conseguenza di un gioco online, come avvenuto qualche giorno fa a Palermo, ha disposto il sequestro della playstation e di due cellulari appartenenti alla madre ed alla giovane sorella adolescente del bambino.

A quanto si apprende dalle fonti dell’ansa, da una prima verifica informale sui dispositivi elettronici non emergerebbero elementi che colleghino l’episodio a giochi online o a social.

Le indagini sono coordinate dal procuratore facente funzione Roberto Rossi con la pm Angela Maria Morea. Nelle prossime ore sarà conferito al medico legale Antonio De Donno l’incarico di svolgere l’autopsia secondo quanto riporta l’ansa. L’autopsia dovrà accertare, con le cause della morte, se vi siano segni, oltre a quello già evidente sul collo, che possano permettere di ricostruire la dinamica dell’accaduto.

Le testimonianze raccolte descrivono il piccolo di 9 anni come “tranquillo e sereno” e gli inquirenti non escludono alcuna ipotesi, anche quella che si sia trattato di un tragico incidente dovuto ad una attività non controllata.

L’incarico al consulente per le verifiche tecniche sui dispositivi elettronici è stato affidato già ieri sera e si è ancora in attesa dell’esito, anche se informalmente, come detto precedentemente, è emerso che non vi siano collegamenti con chat o social network.

C’è qualcosa che non va se il mondo perde un bambino di 9 anni perché suicida, c’è un senso di vuoto se queste tragedie iniziano a susseguirsi mentre noi ne assistiamo impotenti. Sono bambini.

Polline
Pexels

Seguiranno aggiornamenti qualora forniti.

 

Da leggere