Mai usare la spugna per pulire il latte versato, scopri perché

Ti è mai capitato di usare la spugna dei piatti per raccogliere il latte versato accidentalmente? Scopri perché dovresti evitare di rifarlo.

spugna latte
Photo collage Pixabay

Usare la spugna per i piatti per ripulire il latte è un gesto comune ed istintivo in cucina. La spugna sembra ottima per raccogliere i liquidi dato il suo potere assorbente ma nel caso del latte è un gesto pericoloso per la tua salute.

Perché non dovremmo pulire il latte usando la spugna?

Latte nella porta del frigo? Ecco perché non dovresti tenerlo lì!
Adobestock photo

In fatto di igiene dovremmo imparare ad essere vigili e cauti ed in fatto di pulizia essere cauti significa non sottovalutare mai le spugnette che usiamo per lavare i nostri piatti.

La Spugna dei piatti è uno degli oggetti più sporchi al mondo e non dovremmo mai metterla in contatto con il latte per un motivo semplicissimo: evitare la disintossicazione.

In cucina si annidano germi e batteri, è un luogo dove solitamente maneggiamo verdure, carne cruda, avanzi di cibo e che non sempre viene igienizzato nel modo adeguato. Questi germi sono impercettibili ad occhio nudo eppure potrebbero rappresentare un serio pericolo di intossicazione o infezione. 

Poniamo l’esempio del tagliere, lo usiamo per tagliare una infinità di cose, anche la carne cruda. Il legno col quale viene realizzato è molto assorbente, assorbe sia liquidi che odori, soprattutto dopo averlo usato per pulire il pesce o la carne cruda, dovrebbe essere igienizzato nel modo giusto ed evitare che contamini altri alimenti. A questo proposito ti potrebbe interessare scoprire come pulire i taglieri da cucina con rimedi efficaci e naturali

Se igienizziamo correttamente utensili, frigorifero e lavandino e ci preoccupiamo di tagliare l’angolo della spugna per i piatti, (scopri il motivo per cui dovresti farlo) eviterete molte possibili contaminazioni.

Ricordatevi inoltre di non commettere mai l’errore di lavare il pollo prima di cucinarlo.

Infine torniamo alla nostra spugna:  Spesso è destinata ad usi molteplici: la usiamo per pulire i fornelli con detergenti chimici molto aggressivi, poi ripuliamo il lavandino con la stessa spugna,  e poi magari la passiamo sui piatti con i quali mangeremo.

Questi sono errori igienici da evitare, sulla spugna potrebbero restare residui dei prodotti chimici utilizzati e trasferirli sulle stoviglie che usiamo per mangiare e questi prodotti non sono certi innocui quanto il sapone per i piatti.

Inoltre la spugna ha molti fori che servono per assorbire l’acqua e fare la schiuma, ma questi fori intrappolano anche molti residui di sporco e cibo e quindi è il luogo ideale in cui si riproducono germi e batteri, alcuni particolarmente pericolosi come: salmonella, listeria, klebsiella e stafilococco aureo.

Questo è il motivo principale per cui si sconsiglia di utilizzare la spugna per ripulire detriti alimentari, succhi della carne o il latte non pastorizzato. Meglio assorbire il latte con la carta da cucina e gettarla nella pattumiera.

Ricordate che solitamente la spugna che emana un cattivo odore è una spugna infettata da Moraxelle e questo è un segno che vi avverte di sostituire la spugna.

disinfettare spugne da cucina
Photo Adobe Stock

Si consiglia di utilizzare spugne di colore diverso in modo da destinare ogni colore ad un uso specifico e di sciacquare bene le spugna dopo ogni utilizzo e di lasciarla sciugare perché l’umidità favorisce la proliferazione batterica. Inoltre di tanto in tanto sterilizzate la spugna.

Il modo migliore di sterilizzare la spugna è quello di metterla nel microonde in una ciotolina d’acqua per qualche secondo.