Ermal Meta stupisce e commuove i suoi fan con un regalo inaspettato

Ermal Meta è noto per aver un legame forte e solido con i suoi fan, i “Lupi di Ermal”. Oggi ha deciso di fare loro un regalo unico. Vediamolo insieme.

Ermal Meta ha un rapporto davvero speciale con i suoi fan. Difatti “I Lupi di Ermal“, così si chiama la fanbase del cantautore albanese naturalizzato italiano, ricambiano costantemente l’amore all’artista con donazioni in beneficenza.

Oggi sul suo profilo Twitter, profilo che Ermal Meta ha riattivato da poco tempo, è tornato con una grande novità per tutti i suoi fan, italiani e collocati nel resto del mondo. Da qualche tempo, Ermal è impegnato con la realizzazione del nuovo album, sono tanti i contenuti che il cantante in gara alla 71esima edizione di Sanremo con il brano “Un milione di cose da dirti” pubblica quotidianamente sui suoi profili.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ermal Meta (@ermalmetamusic)

Ermal Meta e il grande regalo per i fan: una traccia audio

Ermal Meta ha appena pubblicato un tweet che potremmo definire “muto” in quanto non contiene alcun testo scritto. Eppure il tweet di Ermal non è assolutamente muto. Anzi, il cantautore di “Non mi avete fatto niente” e di “Vietato Morire” ha pubblicato una traccia audio di 1:54 minuti. Un immenso regalo per i suoi fan.

La traccia audio contiene una musica soave, leggera e armoniosa di un pezzo suonato al pianoforte (sicuramente dallo stesso Meta, date le sue doti di artista eclettico e polistrumentista nato).

Tanti i commenti immediati dei suoi lupi: “Ma che bellezza Ermal“,”Ci vuoi fare piangere? Chiedo”, “Se ho pianto e mi sono emozionata è perché la musica ha fatto il suo dovere giusto?”. Una valle di lacrime collettiva quella generata dal cantautore sul suo profilo Instagram, per un pezzo pungente e evocativo, talmente tanto che molti ricordano i concerti dell’artista e i momenti di gioia trascorsi sotto un palco: “Un nodo alla gola, per un attimo ho sognato di vedere con gli occhi dell’anima quelle mani danzare su quei tasti. Manchi tanto, la tua musica, la tua presenza, manca tutto.”