Friggere senza schizzare: scopri il metodo infallibile

Friggere senza schizzare sembra un’impresa impossibile e invece esistono diversi trucchi per evitare di sporcare la cucina e farsi male. Ecco il metodo infallibile. 

friggere senza schizzare
Adobe Stock

Friggere senza schizzare a molti può sembrare un’impresa utopica. Quante volte vi sarà capitato di voler friggere qualcosa e poi di preferire un altro tipo di cottura per non sporcare tutta la cucina o peggio di farvi male con uno schizzo di olio bollente?

Di sicuro i cibi fritti, per quanto non compatibili con la linea e la salute, sono davvero appetitosi e ogni tanto possiamo concederceli. In questo periodo di feste poi è molto probabile che molti di voi si siano cimentati nella preparazione di piatti a base di fritto.

Come fare però a non rendere la cucina un campo di battaglia da dover poi ripulire da cima a fondo? Ecco i trucchi per friggere senza schizzare: scopri il metodo infallibile. 

Ecco i trucchi per friggere senza schizzare

friggere senza schizzare
Foto di Peggy und Marco Lachmann-Anke da Pixabay

Patatine, cotolette, verdure pastellate, anelli di totano, frittelle e chi più ne ha più ne metta. Un vecchio detto dice: “Fritta è buona anche una scarpa”. Ed è proprio vero che, se da un lato la frittura è uno dei metodi per cucinare più grassi e meno salutari che ci siano, dall’altro è anche vero che il sapore succulento che offre un cibo fritto difficilmente si può eguagliare con altri tipi di cottura. 

Friggere però può mettere pensiero perché uno degli inconvenienti a cui si va incontro sono gli schizzi di olio bollente mentre un cibo sta cuocendo, o meglio friggendo. Esistono però dei piccoli accorgimenti o trucchi che permettono di portare a termine una frittura impeccabile e senza schizzi. Scopriamoli.

1) Asciugare bene gli alimenti prima di friggerli. Una delle cause principali degli schizzi mentre si frigge è l’acqua. Quando questa viene a contatto con l’olio bollente crea una reazione chimica. Questo accade perché l’acqua ha un punto di ebollizione più basso rispetto all’olio. L’acqua bolle a 100° C mentre l’olio a 300° C. Dunque se immergo una piccola quantità d’acqua nell’olio bollente, questa raggiungerà subito lo stato gassoso formando le classiche bolle d’aria che risalendo in superficie daranno luogo ai tanto odiati schizzi.

2) Evitare i coperchi. Altra regola fondamentale è di non mettere dei coperchi sopra alla pentola con l’olio bollente perché questo creerà la condensa, piccole gocce d’acqua che se cadono nell’olio bollente provocano gli schizzi. Meglio usare un paraschizzi che permette la fuoriuscita del vapore evitando la formazione della condensa e dell’umidità che genera la formazione di acqua.

3) Mettere una patata nell’olio. Uno dei metodi più efficaci per evitare gli schizzi è quello di sbucciare una patata e metterla nell’olio a freddo prima di accendere il fuoco. Il tubero, grazie all’amido che contiene, svolgerà la funzione di una spugna così da assorbire tutta l’acqua consentendo una frittura senza schizzi.

4) Aggiungere sale grosso. Un altro metodo infallibile e collaudato è di inserire dei granelli di sale grosso sulla padella. Come la patata, anche il sale è ottimo per assorbire l’umidità. Anche questo andrà messo a olio freddo prima di iniziare a friggere.

5) Mettere gli stuzzicadenti. Il legno è un altro elemento che assorbe l’umidità. Perciò se vogliamo evitare gli schizzi di olio possiamo inserire nella pentola, quando l’olio è ancora freddo, tre o quattro stuzzicadenti.

friggere senza schizzi
Adobe Stock

Scopri anche come friggere senza olio. E voi avete mai provato uno di questi metodi per friggere senza schizzi?