Covid e Natale, Mara Venier: “Ho paura di ammalarmi”

Natale ai tempi del Covid-19. Come sarà? Mara Venier racconta le sue preoccupazioni. La conduttrice confessa: “Non ho fatto ancora l’albero, non sento l’atmosfera”

Natale 2020 col Covid: Mara Venier si confessa
Mara Venier (Instagram)

Natale ai tempi del Covid. Ormai è chiaro a molti che, quello di quest’anno, sarà diverso, in tono minore, all’insegna di restrizioni e divieti. Il Governo è al lavoro per definire il nuovo pacchetto di misure che entreranno in vigore dopo il 3 dicembre. Intanto, alcune regioni d’Italia cambieranno colore a partire da domani. La Campania, invece, resta ancora in zona rossa.

Saranno festività diverse e, di questo, aveva già avvertito alcune settimane il professor Massimo Galli. Si teme un’impennata dei contagi, con l’inizio del nuovo anno. Bisogna assolutamente evitare una terza ondata: su questo concordano tutti gli esperti.

Anche i Vip sono preoccupati. Il Covid-19 fa paura a tutti, senza distinzioni. Lo sa bene Mara Venier che ha confessato tutti i suoi timori in una recente intervista rilasciata a Tv Sorrisi e Canzoni.

La conduttrice ha parlato con sincerità, a cuore aperto, di quello che sarà il suo Natale, sospeso fra la paura e l’amore per la famiglia. La Venier è emotivamente provata dall’emergenza sanitaria e, quest’anno, trascorrerà le festività in modo diverso, con  sobrietà ed estrema prudenza.

“Non ho ancora fatto l’albero – ha esordito – perché l’atmosfera non la sento. Sarà un Natale diverso, questo sì, ma prima di tutto di responsabilità”.

Non c’è Natale senza regalo. Quello che Mara Venier desidera, per quest’anno, è del tutto speciale, di utilità sociale. “Il regalo che vorrei sotto l’albero è un vaccino, una cura, perché ho paura di ammalarmi“.

Quella del contagio, purtroppo, è una paura diffusa. La sensazione è di sentirsi scoperti, in attesa dell’arrivo di un antidoto efficace contro il Covid. C’è bisogno di prudenza e, questo, lo sa bene anche Mara Venier.

La conduttrice dice di essere molto scrupolosa nel seguire tutte le precauzioni, così come richiesto dagli esperti, per evitare il contagio. Diventa poi quasi maniacale quando ospita il nipotino Claudio.

“Quando il mio nipote più piccolo, Claudietto, viene a trovarci e guardiamo i cartoni insieme – ha detto la Venier – mio marito Nicola e io mettiamo la mascherina, manteniamo le distanze, apriamo le finestre”. Insomma, la parola d’ordine in casa Carraro-Venier è prudenza.

Natale e Covid, Venier: “Metterò le luci per mio nipote”

Mara Venier preparerà gli addobbi di Ntaale soo per far felice il nipotino
Mara Venier (Screenshot da video)

Sebbene non abbia troppa voglia per pensare agli addobbi di Natale, Mara Venier farà uno sforzo solo per amore del suo nipotino. Il clima è quello che è, di tensione misto a sofferenza, ma i più piccoli meritano comunque un’atmosfera più distesa.

“Le decorazioni le metterò per lui, che ha tre anni: qualche lucina qua e là e i Babbi Natale che ballano e cantano. I bambini hanno bisogno di allegria.

I piccoli riescono sempre ad avere la meglio sui nonni, questo è quasi risaputo. E’ un messaggio molto bello quello della Venier, che invita a mettere da parte la tristezza di questo periodo almeno a Natale, per fare la felicità dei bambini.

Mara Venier con suo marito
Carraro, Venier (Instagram)

Di certo la conduttrice può contare sull’amore di suo marito, Nicola Carraro, con cui è sposata da vent’anni. Un sentimento fortissimo che renderà sicuramente più dolce anche questo strano Natale 2020.