Detto Fatto, il tutorial sulla spesa in tacchi a spillo scatena la bufera

Detto Fatto, il tutorial sulla spesa in tacchi a spillo alla vigilia della Giornata contro la violenza sulle donne scatena la polemica

Detto Fatto nella bufera, la spesa sui tacchi non piace (screenhot)

Italia, anno 2020 ma sembrano gli anni ’50. Oggi che impazzano i tutorial, Detto Fatto ci ha insegnato come andare a fare la spesa con i tacchi a spillo. Non camminando normalmente, perchè in fondo ognuno anche al supermercato è libero di andare come vuole. Ma a ancheggiando e muovendosi in giro per gli scaffali in modo sensuale.

Tutto nel primo pomeriggio di Rai 2 (che resta pur semore una rete pagata dal canone). Tutto alla vigilia della ‘Giornata internazionale contro la violenza sulle donne’. Insieme alla conduttrice, Bianca Guaccero, anche la pole dancer Emily Angelillo.

Minigonna e tacchi a spillo, è stata lei a spiegare alle donne italiane come dovrebbero muoversi quando vanno a fare compere. “Aiutandomi con il carrello, cammino con il ginocchio teso e vado in giro per le corsie che diventano il mio palcoscenico”. E se poi il prodotto ricercato è su uno scaffale in alto, “posso alzare un pochino il ginocchio,questa è una opportunità”.

La Guaccero ha continuato a sorridere divertita, chiedendo alla sua ospite anche come fare eventualmente se qualcosa dovesse cadere per terra. Nessun problema, anche se opassa un uomo: alla cliente basta accovacciarsi, tenendo le gambe chiuse per non trasformare la situazione in un siparietto volgare. Ma intanto se alza un po’ il sedere non fa male.

Detto Fatto,  bufera nel mondo della politica ma anche sul web

Sicuramente l’intenzione era leggera, ma non l’ha capito nessuno. E così oggi da più parti, politiche ma non solo, è bufera per quello che si è visto ma anche sentito. Vittorio Trapani, segretario dell’Usigrai., è durissimo definendola “una cosa ignobile, indegna della Rai e del ServizioPubblico. Ma chi pensa e realizza questi spazi ha mai letto il Contratto di servizio?”.

E Myrta Merlino, nota conduttrice di La7, è indignata: “L’immagine di una donna stereotipata. Offensiva, anacronistica qualcosa che mi fa indignare oltre ogni limite. Sono senza parole”.

Stesse reazioni sui social, quasi tutti schierati contro la scelta di Detto Fatto. Un salto indietro nel tempo e di cattivo gusto, scrivono in molti ricordando quello che invece stiamo vivendo oggi.