Scopri perchè è meglio essere single che avere una relazione infelice

Il tuo partner non ti fa stare bene? può capitare, l’importante è non restare in una relazione infelice perchè hai molto da perdere.

coppia rottura amorosa
AdobeStock Photo

I motivi per cui si resta in una relazione anche quando non vi è posto più scomodo al mondo, sono molti e diversi. A volte è per i figli altre per paura della solitudine, altre perchè ci sentiamo responsabili e colpevoli della relazione che sta andando a rotoli o perchè qualcuno ci fa sentire così. Qualunque sia il motivo, non restare in un nessun posto che non ti faccia sentire bene. Una relazione che si fonda sull’amore è l’unico posto dove si dimentica la tristezza e si trova comprensione e sostegno e quando sei tra le braccia di chi ami non dovrebbe esistere altro posto al mondo in cui vorresti essere, ma la cosa dovrebbe essere reciproca.

Impara a capire se il malessere dipende da te o se dipende dall’altro e ricorda che il vero amore esiste solo per le coppie in grado di fare questo.

Detto questo, scopri perchè se l’amore non ti rende felice è meglio che tu torni ad essere single il prima possibile.

Come capire se una relazione è romantica o tossica?

problemi di coppia
Photo Adobe Stock

Di fronte ad un fallimento sentimentale sicuramente ci sarò stato qualcuno che dall’alto di tutta la sua saggezza ti ha ricordato questo detto: “Meglio soli che male accompagnati”.

Non vi sono parole più giuste eppure sembrano così difficile da comprendere per alcune persone che si ostinano a restare al fianco del partner anche dopo essersi rese conto che questo partner è  totalmente inadatto.

Questo legame forzato assomiglia sempre più ad una prigionia e spinge a sperimentare pensieri ed emozioni negative su base giornaliera. Il tutto si complica quando si fà confusione riguardo ai sentimenti che si provano per il partner.

Se senti che un legame ti distrugge impara a scrivere la parola fine. Essere single non è un handicap, ma può essere un trampolino di lancio per il benessere.

Ovvio che ogni relazione è soggetta ad alti e bassi e a momenti di difficoltà, gettare la spugna e scappare non permette di costruire nulla ma anche in questo caso la rottura definitiva non può che rappresentare un bene, se non si è pronti a condividere vita, progetti e futuro con un’altra persona e si preferisce prendere la porta ad ogni discussione forse i sentimenti che proviamo per il partner non sono così grandi come si immagina.

Una relazione diventa tossica quando nel tempo uno o entrambi i partner si costringono a vivere in un clima di stress ricorrente. Giorno dopo giorno questo stress avrà ripercussioni negative sullo stato psico-fisico della coppia.

Lamentele, parole offensive e la vittimizzazione di una persona tossica possono infondere energia negativa.

Un partner velenoso critica costantemente. La svaluta e la fa sentire inadeguata, questa violenza psicologica mina la sua autostima facendo emergere le sue fragilità.

In questi casi il corpo inizia a lanciare i primi sintomi di disagio: la stanchezza ed il costante cattivo umore sono segni che da troppo tempo si vive un rapporto non soddisfacente.

Perché rompere è la soluzione migliore?

rottura sentimentale
Photo Adobe Stock

Quando una relazione tiu fa sentire come un pozzo prosciugato e ti logora da dentro la rottura è inevitabile. Se una relazione è tossica lo si sente dentro, siamo tutti consapevoli di questa tossicità eppure stentiamo a volte a lasciarci questa relazione alle spalle sperando di cambiare certi tratti del carattere dell’altro.

Non vi è errore più grande. Nessuno cambierà mai la sua vera natura, queste aspettative generano solo una falsa speranza.

A volte le persone tossiche che minano costantemente il rapporto e si infastidiscono per la qualunque e fanno polemiche su tutto, non sono sempre consapevoli dei propri errori e difficilmente effettuano un’analisi autocritica di se stessi.

L’unico modo di liberarsi di un fardello psicologico che logora noi e il partner, la rottura può essere la soluzione migliore. Sebbene sia difficile da accettare, spesso salva la vita e apre un ventaglio di nuove èprospettive future.

Essere single non deve essere sinonimo di solitudine e fallimento. Il motivo alla base di questa convinzione lo spiega Deborah Duley, una psicoterapeuta del Maryland: “C’è una convinzione profondamente radicata nella nostra cultura: se una persona è single, è perché non si comporta come dovrebbe e che questo ha delle conseguenze sulla sua vita sentimentale”.

La spicoterapeuta spiega anche che questi sentimenti non hanno motivo di esistere poiché: “è spesso durante i periodi di solitudine che scopriamo chi siamo veramente, cosa vogliamo nella vita e cosa questo ci affascina ”.

Tuttavia, per dare il meglio di te in una relazione devi essere al meglio di te.

Una volta che avrai chiuso le porte alla tua relazione tossica, ecco alcuni comportamenti che potranno aiutarti ad essere un single felice:

Avere una vita sociale attiva

ogni essere umano ha il bisogno di avere dei rapporti sociali con gli altri. Cerca di non rinchiuderti in casa, incontra gente nuova e condividi momenti piacevoli.

Vivi il momento presente

Non pensare a quello che sarà, impegnati a focalizzarti sul momento presepe, assapora ogni momento, lasciati il passato alle spalle e non preoccuparti del futuro. Resta qui e ora.

Fai nuove attività

Ti serve uno sprint e hai bisogno di novità. Esci dalla tua zona di confort e vai. Ora hai bisogno di cambiamenti e novità.

fine dell'amore
Photo Adobe Stock

Attenzione alla pressione sociale

Il giudizio degli altri, il veleno di coloro che pensano che hai qualche problema se alla tua età sei ancora single non devono farti vacillare. “Non ti curar di loro ma guarda e passa”.