Vasco Rossi: “Sopravvissuto a malattie, depressione e coma”

Vasco Rossi spiega cosa significa per lui “vivere” e lo fa rispondendo alla lettera di Cesare Cremonini per Vanity Fair.

vasco rossi sopravvissuto
Vasco Rossi – Foto Instagram da https://www.instagram.com/vascorossi/

“Vivere o… sopravvivere…E sorridere dei guai Così come non hai fatto mai. E poi pensare che domani sarà sempre meglio… Oggi non ho tempo. Oggi voglio stare spento”: con questi versi, Vasco Rossi ha regalato ai suoi fan un inno alla vita scrivendo una delle sue canzoni più belle.

In quel “Vivere” c’è il significato profondo della vita, quella vita che Vasco ha assaporato in tutte le sue forme sopravvivendo anche a dolori grandissimi, a malattie e alla depressione.

Cesare Cremonini lo ha così contattato per coinvolgerlo nella realizzazione del numero di fine novembre di Vanity Fair che la redazione del famoso magazine ha deciso di affidargli. Un numero intitolato SurVIVE, SopravVIVERE a cui il rocker di Zocca ha deciso di aderire raccontando senza filtri il suo essere un “sopravvissuto”.

Vasco Rossi: “Sono un sopravvissuto. Sopravvivrò anche al covid”

Vasco Rossi
Vasco Rossi (Foto: Instagram)

Vasco Rossi ha scelto di rispondere con gioia alla lettera di Cesare Cremonini e lo ha fatto scrivendo una lunga lettera pubblicata da Vanity Fair in cui ripercorre quella che è stata la sua vita fatta di esperienze bellissime, ma anche brutte e che lo hanno portato ad essere un “sopravvissuto”.

Partito da Zocca, un piccolo paese dove la “noia” rischia di stroncare i sogni dei ragazzi, Vasco Rossi è riuscito a vivere di musica sopravvivendo a tanti momentii difficili.

“Sono sopravvissuto al 2000 […]Quando gli amici hanno cominciato a morire intorno, Lolli, Massimo, Marietto… E sono andato in depressione. Ecco, sono sopravvissuto anche a quella depressione lì. E ho affrontato gli anni ’10. E anche lì, sono andato avanti sempre scrivendo canzoni «oneste e sincere», con la stessa coerenza, non per vendere o compiacere, ma per provocare. Prendo sempre spunto dalla vita e la racconto così com’è, senza ricamarci niente attorno”, scrive Vasco su Vanity Fair.

Lui che negli anni ’90 ha scelto di fare la scelta più trasgressiva che potesse fare formando una famiglia con l’attuale moglie Laura, è anche sopravvissuto alla malattia.

“Ah, sono anche sopravvissuto a tre malattie mortali, nel 2011, quando sono andato in coma per tre o quattro volte. Preso per un pelo, eh, sono sopravvissuto anche a questo. Sono riuscito ad arrivare fino a qui, fino al 2020, quando è scoppiata questa catastrofe mondiale che si chiama Covid. Questo Covid del cazzo. Ecco, io penso che sopravvivrò anche a questo… O forse, però, sai cosa c’è? C’è che morirò di noia per il lockdown…”, aggiunge ancora Vasco.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Vasco Rossi (@vascorossi)

Il 1° gennaio 2021 Vasco tornerà con una nuova canzone d’amore e, infine, rispondendo a Cesare Cremonini, aggiunge:

Dovremo ancora stare chiusi in casa…
E… Per noi che abbiamo bisogno di urlare, di cantare, di «assembrarci»… è ancora molto lontana la possibilità di fare concerti…
Ma sopravvivremo anche a questo…!!
Sopravvivremo e te lo dico io che…”.