“Recitare? Impossibile”: la malattia dell’attore di Ritorno al Futuro

Michael J. Fox è l’attore che ha dato il volto a Marty Mc Fly di Ritorno al Futuro, ma oggi potrebbe lasciare per sempre le scene a causa di una malattia incurabile.

malattia attore ritorno al futuro
Una scena iconica di Ritorno al Futuro (Instagram)

Michael J. Fox oggi ha 59 anni. Ne aveva circa 24 quando ha preso parte alle riprese di quella che sarebbe stata la saga destinata a cambiare per sempre il cinema degli anni Ottanta e Novanta: Ritorno al Futuro.

Purtroppo da circa 30 anni, cioè dal 1991, l’attore combatte con una malattia per la quale non esiste cura: il morbo di Parkinson. I primi segnali della malattia, cioè i tremori incontrollabili alle dita della mano, arrivarono mentre si trovava sul set del film Doc Hollywood – Dottore in Carriera.

Dopo aver deciso di mantenere il segreto sulle sue condizioni di salute per oltre sette anni, nel 1998 decide di parlare pubblicamente della sua malattia.

All’epoca stava girando la sit – com americana Spin City, nella quale rivestiva il ruolo di sindaco della città. Purtroppo nel 2000 fu costretto a lasciare la serie a causa dell’aggravarsi delle sue condizioni di salute.

La Malattia di Michael J. Fox, inguaribile ottimista

Malattia attore ritorno al futuro
Michael J. Fox e Christopher Lloyd oggi (Instagram)

L’attaccamento al proprio mestiere aveva spinto Michael J. Fox a continuare a recitare in piccole parti nel corso degli anni, soprattutto dopo il 2010, quando le condizioni della sua malattia sembravano essersi stabilizzate abbastanza da consentirgli di riprendere a recitare.

Dal 2010 al 2016, infatti, aveva recitato regolarmente nella serie televisiva The Good Wife ma, alla fine, ha deciso di gettare la spugna.

“Ho chiuso. Non riesco più a suonare bene la chitarra, non riesco più nemmeno a disegnare, non sono mai stato bravo a ballare e ora sta peggiorando anche la mia recitazione ha dovuto ammettere l’attore. Purtroppo infatti il morbo di Parkinson influisce sulla memoria a breve termine e l’attore, che ricorda perfettamente il suo passato, non è più in grado di memorizzare in maniera adeguata le battute del suo copione.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Coffee And CigarettesCineBlog (@coffee_and_cigarettescineblog) in data:

Si tratta di affermazioni estremamente dolorose, soprattutto perché pronunciate da un uomo che fino a pochissimi anni fa definiva se stesso “un inguaribile ottimista” nel titolo di uno dei suoi primi libri. Proprio la scrittura è una delle passioni che Michael ha scoperto da poco, dopo essersi reso conto di non poter praticare tutte quelle attività che un tempo lo rendevano felice.

Non è un caso che il suo nuovo libro si intitoli “No Time Like The Future: An Optimist Considers Mortality”, cioè “Non c’è tempo migliore del futuro – Un ottimista riflette sulla mortalità”.

L’obiettivo del libro, come ha spiegato lo stesso attore, è quello di fornire risposte alle domande della vita: “Chi sono? Dove mi trovo? Dove sto andando?”

Un altro degli obiettivi del libro è trasmettere alle persone l’idea che si possa vivere con la malattia affrontandola, e non facendo di tutto per negare la sua esistenza. “La malattia va accettata, ma senza rassegnazione: affrontarla in maniera diretta, da inguaribile ottimista e senza fingere che non ci sia, è la soluzione”.

A quanto pare, proprio il tentativo di negare la malattia ha portato l’attore a commettere un grosso errore e pagare un prezzo altissimo. Dopo aver passato un periodo in sedia a rotelle, Michael J. Fox si sentiva molto meglio, tanto da sentirsi in grado di “saltare dal corridoio alla cucina”, come lui stesso ha raccontato.

Purtroppo la troppa fiducia nei suoi miglioramenti e la decisione inconscia di negare che la malattia lo avesse indebolito, misero Fox in una pessima situazione: cadde rovinosamente e fu costretto a sottoporsi a un intervento alla spina dorsale.

Proprio in quell’occasione i medici scoprirono che Michael J. Fox non era affetto solo dalla malattia che lo stava tenendo lontano dalle scene: l’attore scoprì di avere anche un tumore spinale. Si tratta soltanto di un’altra sfida che, è facile prevedere, l’attore affronterà a testa alta e con il solito “inguaribile ottimismo”, circondato dall’amatissima moglie e dai suoi quattro figli.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Michael J Fox (@realmikejfox) in data:

Tra l’altro è impossibile non notare l’incredibile somiglianza tra il figlio di Michael J. Fox e l’attore da giovane!

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sam Fox (@palekidd) in data:

Chissà se anche Sam Michael Fox deciderà di fare l’attore e di seguire le orme paterne!