Home Attualità Alunne bendate nell’interrogazione a distanza per non farle copiare

Alunne bendate nell’interrogazione a distanza per non farle copiare

L’avvenimento è accaduto al liceo Caccioppoli di Scafati (Salerno). Il professore ha espresso la richiesta per evitare di far consultare loro gli appunti.

Doveva sostenere un’interrogazione, a distanza, e per questo la professoressa le ha fatto coprire gli occhi con una benda. Alcune studentesse del liceo di Scafati, in provincia di Salerno sono state bendate durante l’interrogazione a distanza per impedire loro di consultare gli appunti.

È quanto accaduto nei giorni scorsi al liceo “Caccioppoli” di Scafati (Salerno) in cui un’insegnante di Latino e Greco ha adottato questa decisione durante una lezione svolta con la didattica a distanza.

L’immagine che ha fatto il giro del web

Fonte: Instagram

L’immagine – pubblicata dal sito cronachedellacampania.it – ha fatto rapidamente il giro delle chat, diventando di dominio pubblico.

“Si trattava di un esempio per dimostrare ai ragazzi che non hanno bisogno di sbirciare” ha detto all’ANSA il dirigente scolastico Domenico D’Alessandro che ha già parlato dell’accaduto con la docente.

il fatto, riferisce il preside, ha coinvolto due studentesse. Il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli ha presentato un’interrogazione all’assessore Lucia Fortini.

La segnalazione è partita dal giornalista e docente Mariano Jodice che ha postato su Facebook la foto che ha suscitato le polemiche. “Spero che il dirigente del Liceo in questione intervenga per mettere fine a tali azioni vergognose e lesive per il benessere psicofisico di minori”, ha scritto Jodice. Il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli ha presentato un’interrogazione all’assessora Lucia Fortini per chiarire la vicenda.