Conte, il Decreto Ristoro in diretta da Palazzo Chigi

Il premier Giuseppe Conte va in diretta da Palazzo Chigi per spiegare il Decreto Ristoro connesso all’ultimo Dpcm. Al suo fianco il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, e il ministro dell’economia e delle finanze, Roberto Gualtieri.

Il Premier Conte sul lockdown (Facebook)
Il Premier Conte sul lockdown (Facebook)

Come garantito durante la conferenza stampa di presentazione dell’ultimo Dpcm (quello datato 24 ottobre e che chiudeva palestre e piscine, nonché cinema, teatri e i luoghi di ristoro la sera), il premier Conte presenta ora il Decreto Ristoro, una serie di aiuti per le attività penalizzate dal Dpcm stesso (ristoranti, bar, piscine, palestre etc).

Il premier presenta dunque oggi da Palazzo Chigi questi sostentamenti promessi la scorsa domenica, ricordando però a tutti gli italiani che, per quanto le decisioni prese dal Governo possano esser soggette a critiche, sono le uniche in grado di scongiurare il pericolo di un nuovo lockdown.

Lo spauracchio di questo provvedimento però pende ancora sulla testa degli italiani: se questo mese non porterà i frutti sperati la chiusura totale sarà inevitabile.

Intanto però ora è tempo però di aiuti: i ministri seduti di fianco al premier spiegano come funzionerà tale erogazione.

Il Decreto Ristoro presentato da Conte, Gualtieri e Patuanelli

Gualtieri conte decreto
Foto da Instagram @palazzo_chigi

Affiancato da il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, e il ministro dell’economia e delle finanze, Roberto Gualtieri, il premier Giuseppe Conte presenta il Decreto Ristoro, lasciando poi la parola ai ministri per presentare nel dettaglio le misure prese.

Inizia il ministro dell’economia e delle finanze, Roberto Gualtieri.

Il bonifico arriverà immediatamente (entro metà novembre) sul conto delle aziende che si erano già avvalsi dei primi aiuti dopo il precedente lockdown.

Chi invece non avesse già usufruito di tali supporti dovrà presentare la domanda per esser liquidato entro metà dicembre.

Confermata la sospensione di alcune tasse e il prolungamento della casa integrazione.

Arriveranno anche due mensilità di sostegno per i dipendenti del settore turistico e per i dipendenti del settore sportivo.

Si punta dunque su aiuti celeri e quanto più possibili sostanziosi nella speranza che il tentativo di bloccare il virus non blocchi anche l’economia italiana.

Ora non resta che attendere la messa in pratica di tali ristori.

Da leggere