Pillola dei “5 giorni dopo” per le minorenni: via libera dell’Agenzia Italiana del Farmaco

0
83

L’Agenzia Italiana del Farmaco ha dato il via libera alla pillola dei “5 giorni dopo” per le minorenni senza prescrizione medica. 

pillola dei 5 giorni dopo il via libera dell'Aifa
AdobeStock

La contraccezione del giorno dopo, sarà a disposizione anche delle minorenni senza l’obbligo della ricetta medica. Si tratta dell'”Ulipistral Acetato” il farmaco che può essere utilizzato fino a 5 giorni dopo il rapporto a rischio gravidanza.

Al momento dell’acquisto il farmaco sarà corredato di un foglio informativo che vuole essere un ‘informazione’ sulla contraccezione sicura per evitare l’utilizzo inappropriato della contraccezione di emergenza come è di fatto la pillola dei ‘5 giorni’, come dichiarato dal direttore generale dell’Aifa sul sito dell’Agenzia Italiana del Farmaco.

Via libera alla pillola dei “5 giorni dopo” per le minorenni senza obbligo di prescrizione medica

pillola dei 5 giorni dopo alle minorenni senza prescrizione
Pixabay

La decisione è arrivata dall’Agenzia Italiana del Farmaco con la Determina n.998 dell’8 Ottobre. Oltre al foglio illustrativo che accompagnerà sempre il farmaco acquistabile senza prescrizione medica da ogni minorenne che ne abbia bisogno in seguito ad un rapporto sessuale non protetto e quindi a rischio di gravidanza, l‘Aifa sta sviluppando un sito internet per informare alla contraccezione sicura, uno strumento che sarà dunque a disposizione di tutti.  Il direttore dell’Aifa Nicola Magrini, sottolinea come l”Ulipistral Acetato‘ sia nella lista dei farmaci essenziali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità dal 2017 e  descrive la pillola dei “5 giorni dopo” come:

“Uno strumento altamente efficace per la contraccezione d’emergenza per le giovani che abbiano avuto un rapporto non protetto, entro 5 giorni dal rapporto”

L‘informazione da parte delle famiglie resta  sicuramente lo strumento fondamentale per accompagnare le figlie e i figli minorenni, alla scoperta della sessualità in modo consapevole, consentendo ai ragazzi di capire in profondità quali siano le responsabilità e le conseguenze psicologiche legate all’intraprendere esperienze in questa sfera personale e molto intima.

Fonte: aifa.gov.it