Come aiutare i bambini a superare la paura del buio: alcuni consigli

0
59

Tra le tante paure che hanno i bambini quella del buio è una delle più frequenti. Scopriamo perché e alcuni consigli utili per aiutarli a superarla.

come aiutare bambini a superare paura buio
Bambina con la paura del buio (Adobe Stock)

La paura del buio è molto frequente nei bambini. In genere si sviluppa intorno ai 2 anni e può proseguire anche fino all’età di 6-7 anni del piccolo, o comunque fino all’età prescolare.

Si tratta di un fenomeno del tutto normale, che in genere colpisce quasi tutti i bambini e che scompare man mano che crescono e acquisiscono consapevolezza delle cose e del mondo che li circonda.

Il compito degli adulti è quello di aiutarli a superare questa paura, accompagnandoli nel loro naturale percorso di crescita.

Ecco alcuni consigli utili per aiutare i bambini a superare la paura del buio

Fra i timori più frequenti dei bambini c’è quello del buio. Una paura ancestrale e profonda che colpisce quasi tutti intorno ai 2-3 anni.

In effetti, se ci pensiamo bene non si tratta di una paura infondata e appannaggio solo dei bambini ma anche degli adulti visto che nel corso dei secoli il buio si è sempre associato alle tenebre e alla morte e la luce alla vita e al bene.

Ed è proprio che quando il piccolo inizia a crescere e a distaccarsi gradualmente dalla mamma sviluppa la paura per il buio. Se infatti fino ai 2-3 anni i bambini dormono nella stessa camera dei genitori, quando arriva il momento di andare nella loro cameretta iniziano i primi problemi.

Non solo, a volte può capitare che i bambini nutrano la paura del buio anche dormendo nella stessa camera dei genitori e che vogliano sempre avere una lucina accesa per placare quello stato di ansia che l’oscurità genera in loro.

I bambini poi hanno un senso dell’immaginazione enorme e questo non gioca a favore della paura del buio. Infatti questa paura può associarsi ad esempio alla presenza di mostri, streghe, fantasmi e ombre che prendono forma nella loro mente.

In questo senso occorre controllare quello che i bambini guardano in televisione, sui tablet e cellulari. Infatti potrebbero sviluppare alcune paure proprio perché suggestionati da alcune immagini che hanno visto attraverso questi dispositivi.

Come possiamo allora noi adulti aiutare i piccoli a gestire la paura del buio?

1) Prima di tutto è bene ascoltare i piccoli e non sminuire le loro ansie. In questo modo non si sentiranno inadeguati. Ad esempio se diciamo frasi del tipo: “ormai sei grande per avere paura del buio” li faremo sentire a disagio e questo li porterà a sentirsi frustrati e non compresi. Meglio spiegare loro che anche senza luce non c’è niente che può fargli paura. Ad esempio accompagniamoli in una stanza buia e mostrandogli che non c’è nessun pericolo.

2) Se la paura del buio arriva nel momento della buonanotte abituiamo il bambino a dormire con il suo peluche preferito. In questo modo troverà un conforto e riuscirà a dormire con maggior serenità. Inoltre, mamma e papà potranno fare compagnia al piccolo finché non si addormenta magari stendendosi vicino a lui.

3) Può essere utile inoltre leggere dei libri sulla paura del buio. In questo modo i bambini riusciranno ad interiorizzare la loro paura e a metabolizzarla. In questo senso esistono diverse soluzioni adatte ad ogni età dei bambini.

4) Tenere una piccola luce accesa. Una leggera fonte di luce potrà essere di aiuto a sconfiggere questa paura. Il piccolo in questo modo si sentirà più sicuro. L’unica accortezza è di non tenere una luce troppo intensa perché questa potrebbe disturbare il normale ciclo del sonno.

5) Lasciare le porte aperte. Tranquillizziamo nostro figlio lasciando le porte delle due camere, la sua e la nostra, aperte in maniera che se ci chiamerà lo potremo sentire immediatamente. In questo modo anche lui si sentirà più sicuro perché saprà che non appena avrà bisogno mamma e papà saranno pronti a intervenire.

Ci sono però anche alcune cose da non fare per alimentare la paura del buio nei bambini.

1) Fra queste non utilizzare le sue paure per minacciarlo. Ad esempio quando deve fare qualcosa e non vuole farla non dobbiamo dirgli “fai questo altrimenti arriva il mostro e porta via”. In questo modo non faremo altro che confermare i suoi timori.

2)  Non dare credibilità alle sua paure. Come? Dicendo frasi del tipo “aspetta vado a controllare che in camera tua non ci sia nessun mostro”. Non faremo che un danno.

3) Non arrabbiarsi e perdere la pazienza. Vincere la paura del buio è un processo lungo da elaborare che potrebbe richiedere anche alcuni anni, quindi dovremo dotarci di pazienza e se il piccolo verrà a bussare spesso alla nostra porta di notte accogliamolo, coccoliamolo e poi riportiamolo nella sua cameretta.

4) Infine, è bene ribadire di non far vedere ai bambini film o storie paurose, specie prima di andare a dormire. Se il bambino è particolarmente suscettibile poi è sconsigliato di lasciare che le veda anche in altri momenti della giornata.

Scopri anche come aiutare i bambini a gestire la paure del dottore.