Ares Gate, Lorenzo Crespi lancia l’allarme: “Ci sono 30 anni di Mediaset”

0
95

Lorenzo Crespi è tornato a parlare dell’Ares Gate attraverso il suo profilo Instagram, tirando in ballo anche Mediaset.

Lorenzo Crespi sull'ares gate
Lorenzo Crespi (Screen)

Lorenzo Crespi è davvero un fiume in piena sull’Ares Gate, il vaso di Pandora aperto da Adua Del Vesco e Massimiliano Morra al GF Vip. L’attore, che da qualche tempo ha abbandonato il mondo del piccolo schermo, ha confermato quanto dichiarato dai due concorrenti di Alfonso Signorini e nelle scorse ore ha voluto raccontare una storia ai suoi follower, di come numerose ragazze sarebbero state usate come merce di scambio per acquisire un maggiore potere all’interno di Mediaset.

Ovviamente, ci teniamo a ribadire, che quanto troverete in questo articolo riguarda esclusivamente alla versione dei fatti raccontata da Lorenzo su Instagram ed è quello che lui ritiene sia successo su questa tragica vicenda che ha sconvolto il popolo della rete e sta prendendo una piaga decisamente inaspettata visto che probabilmente Signorini al Grande Fratello Vip non tratterà dell’argomento visto che Tarallo ha diffidato Mediaset.

Lorenzo Crespi torna a parlare dell’Ares Gate: “Ci sono donne disperate a casa”

Su Instagranm, Lorenzo Crepi sull’Ares Gate ha voluto raccontare agli utenti della rete una storia di un uomo alla ricerca del potere, invitandoli anche a condividere la clip da lui caricata, che trovate in alto, sperando che giustizia possa essere finalmente fatta.

“Ragazzi volevo riprendere il discorso di ieri, raccontarvi di questa storia dei fine anni 80 dove c’era questo pappone, che si era inventato manager che trovò per strada giovani ragazze che oggi sono delle star, ma prima erano disperate” ha esordito l’attore. “Una faceva la benzinaia, ma questo signore riuscì a conquistare potere da omosessuale passivo trattando le donne come merce di scambio, non trattandole come esseri umani” ha aggiunto.

“Lui iniziava a convincerle, a prostituirsi per lui, mandandole con gli uomini della televisione a fare sess*, con la cocaina per acquisire potere che è riuscito poi ad acquisire e sono coinvolti trent’anni di Mediaset, spettacoli, fiction. Il Bagaglino anche, sono stati fatti tutti lì. Qualcuno ha dato il potere a questo signore, a questa brava persona che magari oggi si pente, quindi il casino non si ferma alle sette o a quello che avete scritto ha concluso Lorenzo Crespi sulla “setta” nominata da Adua Del Vesco al GF Vip, di cui si era anche sbilanciato lanciato un appello.

“Oggi quelle donne potrebbero parlare che sono a casa disperate. Fate girare questo video, è importante, ci si potrebbe finalmente liberare di certi esseri” ha concluso l’attore, sperando che il popolo scelga di condividere il suo messaggio.

Molti personaggi del mondo dello spettacolo si stanno sbilanciando in merito all’Ares Gate e il pubblico, mai come ora, vuole vederci chiaro.