Latina, chiude la centrale nucleare | Smantellarla costerà 270 milioni

Anche Latina dice addio al nucleare. La centrale nata negli anni ’50 sarà smantellata nel giro di 7 anni per una spesa totale di circa 270milioni.

Scomparirà nel giro di sette anni uno degli ultimi riordino tangibili di un’epoca, quella tra gli anni 50-60, in cui l’Italia era al mondo il più importante Paese del nucleare civile per produrre corrente elettrica.

L’ispettorato sulla sicurezza nucleare Isin ha espresso parere positivo circa il progetto di smantellamento della più vecchia centrale nucleare italiana, quella di Borgo Sabotino a Latina.

Il progetto verrà svolto in circa 7 anni e prevede una spesa attorno a i 270 milioni.

Tutti i dettagli nel video qua sopra.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Giappone: spento l’ultimo reattore nucleare