Pasta integrale, quali sono i condimenti migliori?

È uno dei marchi di fabbrica dell’Italia, quelli che esportano il tricolore in giro per il mondo. Sua maestà la pasta, un orgoglio nazionale che in tanti all’estero cercano (con scarsi risultati, va detto) di imitare. Meglio mangiare l’originale, insomma. Un consiglio che a quanto pare viene ascoltato da ben 9 italiani su 10, 1 su 3 addirittura ogni giorno e con l’85% che la preferisce come piatto principale a pranzo. Sono i dati evidenziati da una ricerca realizzata da Eumetra per Unione Italiana Food, numeri che spiegano anche perché nei supermercati ci sia una scelta infinita di questo prodotto e in varie versioni.

Piace anche la pasta integrale: come condirla?

Tra i vari tipi di pasta, oggi nei supermercati si trova anche quella integrale: ricca di fibre e con un basso indice glicemico, questa variante viene scelta da moltissime persone. Lo sanno bene le grandi marche, come ad esempio La Molisana, che ha una sua sezione interamente dedicata alla pasta integrale. A seconda del tipo, poi, si possono scegliere un’altra moltitudine di condimenti, ciascuno di questi più adatto dell’altro a seconda del genere. Ma quali sono gli abbinamenti migliori per gustarsi questo tipo di pasta?

Partiamo dal grande classico dei primi piatti: la pasta al pomodoro. Basta avere a disposizione dei pomodori freschi e poi sbollentarli, spellarli e schiacciarli in padella con uno spicchio d’aglio, aggiungendo un bel po’ di basilico e un pizzico di sale. Se volete dare un tocco da chef, poi, usate anche una puntina di zucchero: aiuterà a ridurre l’acidità del pomodoro. Infine, a crudo, un po’ d’olio d’oliva.

Un altro condimento che si sposa alla perfezione con la pasta integrale è il pesto al basilico, meglio ancora se fatto in casa. E anche se non c’è una certa familiarità con i fornelli, non c’è bisogno di scoraggiarsi, perché è una ricetta facilmente realizzabile. Occorre pestare tutti gli ingredienti a freddo con decisione: basilico, pinoli, pecorino, parmigiano grattugiato e uno spicchio d’aglio, aggiungendo sempre un filo d’olio.

Si sale di livello, il coefficiente di difficoltà si alza, ma il risultato finale vale assolutamente lo sforzo. Si tratta di un piatto sfizioso e ricco di fibre: la carbonara di verdure. Prima di tutto occorre preparare dei fagiolini, tagliati a fettine sottili in sbieco. Poi bisogna grattugiare degli asparagi e intanto mescolare uova e formaggi (parmigiano reggiano, pecorino, scamorza affumicata grattugiata), aggiungendo una dose generosa di pepe e un pizzico di sale. A cinque minuti dalla cottura della pasta, aggiungere i fagiolini, poi dopo 2 minuti gli asparagi e infine scolare la pasta.

Più facile la realizzazione dell’ultima ricetta proposta, che prevede solo ingredienti freddi da frullare tutti insieme. Zucchine, tonno, basilico, olio d’oliva e uno spicchio d’aglio. Il risultato di questo mix sarà una cremina deliziosa, cui dovranno essere aggiunti infine delle olive tagliate, altro tonno e un po’ di pepe macinato al momento.