Home Maternità 8 frasi con cui i bambini chiedono aiuto indirettamente

8 frasi con cui i bambini chiedono aiuto indirettamente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:18
CONDIVIDI

I bambini possono avere difficoltà a chiedere aiuto ai genitori o ai fratelli quando non stanno bene. Per sapere se hanno bisogno di te, ecco otto frasi che i bambini di solito usano per chiedere aiuto indirettamente.

(Istock Photos)

Per noi, adulti, a volte è difficile immaginare che i nostri bambini possano avere timori e paure profonde, perché ai nostri occhi la loro vita è libera e senza preoccupazioni. Ma questo è tutt’altro che vero. Anche i bambini avvertono la pressione della scuola, dello sport, della società, dei loro genitori o dei loro coetanei. E la pressione può essere così grande da indurli a soffrire molto.

Per noi adulti, è anche difficile immaginare che a volte i nostri figli abbiano difficoltà a confidarsi con noi, a dirci cosa li disturba davvero, le loro vere paure. Pensiamo che non ci sia un tabù, che siamo aperti e attenti, ma non è insolito per un bambino che ha problemi rinchiudersi e non osare parlare direttamente delle sue preocupazioni.

Quindi, per non perdere nulla nella vita dei nostri figli, è importante prestare attenzione e ascoltarli. Perché a volte le cose semplici che i nostri figli ci dicono contengono molto più di un semplice aneddoto dei loro giorni.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Figli: 8 frasi a cui prestare attanzione

bambini problemi
Photo iStock

Queste sono le frasi alle quali dovresti prestare particolare attenzione, tuo figlio può usarle per dirti (inconsciamente) che ha bisogno di te, per essere ascoltato e rassicurarlo.

1/”Mi fa male la pancia”

Innanzitutto, si dovrebbe verificare che il bambino non soffra di una vera malattia o che non provi dolore perché ha mangiato troppo o ha mangiato cibi difficili da digerire.

Se il bambino è in buona salute e non ci sono segni medici di dolore addominale, il bambino potrebbe proiettare il suo dolore, lo stress acuto o le preoccupazioni sulla pancia. I bambini di età inferiore ai dieci anni hanno difficoltà a esprimere i propri sentimenti. Possono quindi esprimerli sotto forma di dolore addominale, che il bambino percepisce anche come vero dolore.

Se il dolore addominale si verifica regolarmente “senza motivo”, è importante che i genitori spendano più tempo con il bambino per fare domande e ascoltare come è andata la giornata o anche per condividere un piccolo spuntino e discutere insieme di cosa sta succedendo nella vita. Ci sono nuovi compagni di classe? Ci sono stati dei problemi o litigi? Un’interrogazione a sorpresa? Un insegnante che si arrabbia? Un problema con i fratelli e sorelle? Un’ingiustizia? C’è qualcosa che lo preoccupa o fa male?

Il più delle volte, il dolore addominale si attenua da solo durante la conversazione.

2/”Ho paura.”

La paura può avere molte cause ed è importante sondarle. A seconda dello stadio di sviluppo, le paure di tuo figlio sono “normali”.

Intorno all’età di otto mesi, i bambini hanno paura di essere separati dai loro genitori, questa è la fase dell ‘”ansia da separazione”.
Poco dopo, intorno ai tre o quattro anni, i bambini si trovano nella cosiddetta fase “magica”. Hanno paura delle minacce invisibili, delle creature che vivono nel buio perché la loro immaginazione è più pronunciata.
Intorno ai 6anni capiscono meglio il mondo, a volte ascoltano e vedono le notizie e possono avere paura di guerre, calamità o disastri, anche se si verificano molto lontano.
Intorno agli 8 anni, sentono la prima pressione per essere i migliori a scuola o nello sport. Le paure possono anche apparire quando si separano dai loro genitori.

I genitori dovrebbero parlare con i propri figli, scoprire da dove proviene la paura e aiutare i propri figli ad imparare ad affrontarla. Coloro che imparano a controllare la propria paura e padroneggiare la situazione costruiranno la fiducia in se stessi.

Tuttavia, se l’ansia del bambino dura troppo a lungo ed è già andata oltre la fase di sviluppo di cui la paura è tipica, il bambino può avere un disturbo d’ansia. La terapia comportamentale può aiutare. Parla con il tuo pediatra, sarà in grado di rassicurarti e, se necessario, di indirizzarti a uno specialista.

3/”Nessuno mi ama.”

I bambini, come noi adulti, possono essere depressi. Potrebbe essere solo perché ha avuto una brutta giornata, ma può anche essere un malessere più profondo. La diagnosi nei bambini è difficile. I genitori devono essere vigili quando il bambino cambia. Quando si isola, diventa ansioso e inibito nei suoi rapporti con gli altri. Quando peggiorano i risultati scolastici, quando si rifiuta di uscire, quando ride di meno, può essere il primo segno dell’inizio della depressione. Un bambino che non può più sopportare la frustrazione o che si deprezza molto può anche essere una bandiera rossa.
I genitori dovrebbero, se preoccupati, parlare con il pediatra del cambiamento di comportamento del bambino. In caso di depressione, solo un professionista può aiutarti.

In generale, i genitori possono aiutare i bambini a proteggersi dalla depressione. La stabilità familiare da al bambino sicurezza. I genitori possono anche aiutare il proprio bambino ad aumentare la propria autostima, creando esperienze di successo o affidando al bambino responsabilità, che contribuiranno a ridurre le sue paure.

Tali misure possono proteggere dalla depressione, ma non ne sono una garanzia. Perché la depressione è una malattia e devi prenderla sul serio.

4/”Non voglio andare a scuola.”

La pressione, le discussioni con compagni di classe o insegnanti, ma anche la noia e il superlavoro possono indurre un bambino a smettere di voler andare a scuola. Parla con tuo figlio di quello che sta succedendo. Parla con gli insegnanti e trova soluzioni insieme. Cambiare scuola non è una soluzione ideale nel primo caso. Un bambino deve imparare a far fronte a persone e situazioni diverse.

5/”Non posso farlo!”

Alcuni bambini hanno paura di sbagliare (specialmente quelli che fanno qualcosa per la prima volta) o di non fare ciò che ci si aspetta da loro. Hanno paura di deludersi e non osano lasciare la loro zona di comfort, ma hanno anche paura di deludere gli altri. Ogni nuova azione viene percepita da loro come ulteriore pressione. Spesso mancano di fiducia in se stessi.
I genitori possono aiutare i loro figli incoraggiandoli. Un bambino deve imparare che fa le cose principalmente per se stesso in modo che stia bene, che scopre e che faccia esperienza, non lo fa per gli altri.

6/”Non lo so (altro).”

Se un bambino risponde “Non ricordo” a molte cose, può significare che ha paura di dare una risposta errata o di essere punito per la sua risposta. Probabilmente il bambino manca di autostima o sente una pressione immensa, dall’esterno o da se stesso, a dover sempre fare le cose nel modo giusto. I genitori dovrebbero dire ai loro figli che possono e dovrebbero dire quello che pensano. Che la sua opinione e i suoi pensieri valgono tanto quanto i nostri. Possiamo anche dirgli che ha tutto il diritto di sbagliarsi. Che questo è normale e che è anche così che avanziamo e cresciamo.

Piccoli compiti in cui il bambino può assumersi una responsabilità possono aiutarlo ad aumentare la fiducia in se stesso. Se i genitori si fidano del loro bambino e spesso lasciano che il bambino prenda una decisione, ciò aumenterà la sua fiducia, svilupperà la fiducia nelle sue capacità.

7/”Posso dormire con te?”

È perfettamente legittimo che i bambini più grandi dormano nel letto dei genitori. In linea di principio, tuttavia, dovrebbero poter dormire solo una notte nel loro letto. Se il bambino vuole spesso dormire con i suoi genitori, i genitori dovrebbero chiedersi perché. Il bambino ha paura (al buio)? È successo qualcosa durante il giorno che lo preoccupa ancora?

Un bambino che cerca la vicinanza ai suoi genitori non dovrebbe essere allontanato. Insieme, genitori e figli dovrebbero indagare sulle cause e trovare soluzioni.

8/”Non mi sento bene”

Un bambino che dice di non sentirsi bene dovrebbe sempre essere preso sul serio e ascoltato. Paure, pressioni e preoccupazioni possono rendere la vita difficile e rovinare la vita di un bambino. I genitori dovrebbero chiedere perché il bambino non si sente bene. Il bambino è depresso perché è successo qualcosa di speciale o è un cattivo umore generale che lo abita?

Ruolo dei genitori (Istock)