Home Salute e Benessere 9 dolori che sono messaggi inviati dal corpo per indicare malattie

9 dolori che sono messaggi inviati dal corpo per indicare malattie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:00
CONDIVIDI

Il dolore è una delle sensazioni più invalidanti e tuttavia la più essenziale per il nostro benessere. Questa risposta del nostro corpo a un male è in realtà una reazione a catena delle più sofisticate. In effetti, il dolore si verifica per una semplice ragione: proteggerci.

Impedendoci di ripetere qualsiasi azione che lo causa, il dolore è quindi indispensabile per la nostra sopravvivenza. Ad esempio, toccando qualcosa di caldo scatterà immediatamente l’allarme e si attiverà un riflesso di allontanamento immediato. Pertanto, il processo di causa ed effetto è facile da determinare. Tuttavia, a volte non capiamo la fonte del nostro dolore che non è necessariamente collegato all’organo dolorante.

Di norma, il dolore è causato da una ferita o un’infiammazione. In effetti, quando il nostro corpo è ferito in un modo o nell’altro, i nostri nervi inviano informazioni al nostro cervello per informarci che qualcosa non va. Pertanto, quando avvertiamo il dolore, se prestiamo particolare attenzione all’area dolente possiamo prendere provvedimenti per porre rimedio alla situazione.

Ma cosa succede quando percepiamo il dolore in un luogo diverso da dove proviene davvero il male? Questo si chiama dolore riferito.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

9 dolori più comuni e rispettive malattie

1) Il cuore

I segni più comuni di infarto sono dolore intenso e persistente al torace, al braccio sinistro, alla schiena e / o alla mascella, indicato come dolore riferito. Sapere che è importante contattare un medico immediatamente dopo la comparsa dei primi sintomi può salvare la vita.

2) Il polmone e il diaframma

Il dolore al collo o alla spalla superiore può effettivamente essere causato da problemi ai polmoni o al diaframma. Infatti, il massaggiatore Paul Ingraham spiega sul suo sito Web che i problemi respiratori possono causare danni significativi ai muscoli del collo. In caso di dolore persistente alle spalle e al collo, è necessario consultare un medico per chiarire l’origine del dolore.

3) Fegato e cistifellea

I problemi al fegato e alla cistifellea possono anche causare dolore al collo, alla spalla o al torace destro. Uno dei segni della colica epatica è un forte dolore sotto le costole a destra che si irradia verso l’alto fino alla spalla destra.

4) Lo stomaco e il pancreas

Il primo segno di pancreatite acuta è il dolore intenso nell’addome che si irradia alla schiena e alla scapola sinistra. Si verifica bruscamente e di solito dopo un pasto abbondante e il consumo di alcol, deve essere curato molto rapidamente.

5) L’intestino tenue

Il nostro intestino tenue si trova tra lo stomaco e l’intestino crasso. Se hai dolori addominali vicino all’ombelico, potrebbe trattarsi di un’infiammazione dell’ombelico. Questa zona dolorosa è particolarmente specifica, quindi è importante dire al medico esattamente dove stai andando.

6) Il colon e l’appendicite

Se hai dolore nella parte destra dell’addome, questo può indicare un problema con l’appendice. Caratterizzato da un dolore spesso diffuso, particolarmente intenso a livello della parte inferiore destra dell’addome, questo disturbo impone al più presto una resezione chirurgica.

7) I reni

Causato da un accumulo di calcoli nei reni, il dolore ai reni può irradiarsi dalla parte bassa della schiena alla parte superiore delle gambe. È quindi importante consultare un medico il prima possibile in caso di dolore intenso e insolito.

8) La vescica

Sebbene rara, la cistite interstiziale o la sindrome della vescica dolorosa sono una malattia della vescica caratterizzata da dolore al pavimento pelvico. Questi dolori, e specialmente quando sono accompagnati da problemi di minzione, richiedono una visita medica il più presto possibile.

9) Le ovaie

Le cisti ovariche possono causare dolore acuto e pulsante nell’addome inferiore. È necessario consultare il proprio ginecologo che eseguirà un’ecografia pelvica per rilevarli.

dolore
Fonte: Istock