Cinema | Terminate le riprese di Space Jam 2, Lebron James nel sequel

Sono terminate le riprese del sequel di Space Jam. Lebron James sarà protagonista. Il film tornerà nelle sale nel 2021, a distanza di 23 anni dal primo capitolo.

Lebron James, protagonista di Space Jam 2
Lebron James, protagonista di Space Jam 2 (Getty Images)

Da Michael Jordan a Lebron James, nel mezzo 23 anni, quasi un quarto di secolo dalla realizzazione di uno dei più coinvolgenti film d’animazione a tema sportivo: “Space Jam”. I Looney Tunes, i Monsters e la Warner Bros. Un universo parallelo che incontra gli esseri umani nel nome dello sport, della competizione e dell’amicizia.

Leggi anche –> Michael Jordan si sposa per la seconda volta

Valori sani che hanno fatto incassare al film ben 230 milioni di dollari complessivi, a fronte degli 80 di lavorazione, senza contare l’apporto decisivo nella post-produzione. Questo capolavoro sembrerebbe destinato a ripetersi nel 2021. Possiamo, gradualmente, abbandonare il condizionale dal momento che sono finite le riprese del secondo capitolo: “Space Jam 2” si farà. Non ci sarà Michael Jordan, al suo posto il “King” Lebron.

Space Jam 2 si farà, il sequel del cult d’animazione arriverà in sala nel 2021

Lebron James pronto per Space Jam 2
Lebron James pronto per Space Jam 2 (Getty Images)

Questione di tempi, di mode, icone ed idoli. Con la palla a spicchi, adesso è lui che comanda: allora la Warner non ha badato a spese. L’idea di un sequel c’è sempre stata, sin da fine anni Novanta, ma si è concretizzata alle soglie del primo ventennio del Duemila per via di reiterate complicazioni e divergenze artistiche. Una su tutte: il rifiuto categorico di Michael Jordan, che ha voluto porre fine alla sua carriera (parallela) di attore, e il due di picche garbato di Jackie Chan fra gli interpreti contattati.

Dettagli non da poco che hanno fatto slittare il tutto. Anni dopo, la regia del secondo capitolo della saga è affidata a Malcom D. Lee, subentrato a Justin Lin e Terrence Nance, inoltre c’è lo zampino di James anche a livello produttivo: l’idea ultima è partita, infatti, dalla sua casa di produzione cinematografica indipendente – la SpringHill Entertainment – ci saranno anche molti colleghi dell’atleta. Da Klav Thompson a Diana Taurasi, per citare alcuni nomi che hanno voluto sposare la causa.

Non si perderà di vista l’intrattenimento, la trama ancora non è stata resa nota: quel che è certo è il tempo che ci vorrà per assemblare tutto – in modo da renderlo credibile e unico – in post produzione. Le cose sono cambiate, così come i ritmi. Oltre un anno di lavoro attende montatori e macchinisti: le riprese non erano che l’inizio di una montagna da scalare, la cui ricompensa finale sarà il sorriso dei bambini e qualche milione di dollari. Sicuramente c’è grande attesa, l’operazione nostalgia già incuriosisce il mondo di Hollywood. Prepariamoci a vedere di nuovo la palla girare sul parquet, dunque, la speranza resta rimandare il più possibile i titoli di coda. Nel frattempo, siamo in standby, per almeno altri 365 giorni.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google news, per restare sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI