Home Salute e Benessere 10 cose da sapere prima di prendere il cortisone

10 cose da sapere prima di prendere il cortisone

CONDIVIDI

Comunemente prescritto per le sue proprietà antinfiammatorie, il cortisone solleva ancora molte domande. Quali sono i suoi effetti collaterali nei bambini e negli adulti? Facciamo il punto con uno specialista.

Il cortisone antinfiammatorio è di solito prescritto per alleviare dolori articolari, trattare un problema ORL o bronchite cronica.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

10 cose da sapere prima di prendere il cortisone

 (Thinkstock)
  • È meglio prendere il trattamento con corticosteroidi al mattino

Il cortisone è una versione sintetica del cortisolo, un ormone derivato dalle ghiandole surrenali il cui ruolo è, tra le altre cose, di rilasciare energia nel corpo. Il picco naturale del cortisolo è intorno alle 8 del mattino. “Prendendo il trattamento all’inizio della giornata, ti avvicinerai alla fisiologia umana”, secondo cortisone-info.fr, un sito Web di informazione dei consumatori indipendente dall’industria farmaceutica.

  • Una dieta senza sale non è necessaria

“Nessuno studio mostra la necessità di una dieta priva di sale durante il trattamento con corticosteroidi, la ritenzione di sodio-acqua è molto ridotta “, afferma Pr Fardet, che comunque consiglia di attenersi in ogni caso ad un” ragionevole “apporto di sale, circa 6 grammi al giorno.

  • Il cortisone provoca gonfiore, ma è reversibile

Oltre i tre mesi di trattamento, i due terzi dei pazienti osservano alcuni cambiamenti morfologici. “Il tessuto adiposo delle gambe e delle braccia tende a ridursi, mentre aumenta quello del seno, della pancia e del viso”, afferma Pr Fardet. In effetti, il cortisone modifica la distribuzione del grasso nel corpo, specialmente nelle donne e nelle persone in sovrappeso. Tutto tornerà alla normalità quando il trattamento verrà interrotto.

  • Il cortisone ha effetti sull’umore

All’inizio del trattamento, alcuni possono diventare irritabili o depressi, altri tendono ad essere euforici. Questi disturbi dell’umore sono comuni per quanto riguarda uno su due pazienti. “Nel 5-10% dei casi, questi disturbi possono essere gravi”, afferma Pr Fardet che consiglia di consultare rapidamente il proprio medico in modo che diminuisca, se possibile, la dose del farmaco.

  • Meglio limitare lo zucchero

Il cortisone modifica il livello di glucosio nel sangue al punto che un trattamento di tre mesi raddoppia il rischio di diabete. Le persone in sovrappeso sono le più esposte. “Evita di mangiare troppo e presta attenzione agli zuccheri contenuti nel pane bianco, pasta, riso o torte”, consiglia il professor Fardet.

  • Indebolisce ossa e tendini

L’assunzione di un corticosteroide per più di tre mesi aumenta il rischio di fratture e osteoporosi. Primo consiglio: pratica dell’attività fisica evitando i tendini del tendine perché anch’essi sono indeboliti dalla corticoterapia, specialmente se il trattamento è associato agli antibiotici della famiglia dei fluorochinoloni. Si consiglia inoltre di consumare da due a tre bicchieri di latte al giorno per l’assunzione di calcio.

  • Nei bambini, il cortisone rallenta la crescita

È vero ma questo effetto indesiderato è associato solo a trattamenti prolungati e ricevuti sistemicamente (non in crema o spray). “15 giorni di cortisone per l’asma non sono un problema”, afferma il dott. Fardet. “Siamo molto attenti al cortisone nei bambini e, quando viene prescritto, lo è per buoni motivi. Non interrompere il trattamento senza il parere del medico “, afferma.

  • Sii consapevole del rischio di infezione

Il cortisone agisce come antinfiammatorio e immunosoppressore. Viene anche prescritto in alcune malattie autoimmuni per calmare le cellule immunitarie in fuga. Pr Fardet consiglia ai pazienti in trattamento con cortisone di consultare il minimo sintomo (febbre, dolore …) e di essere vaccinati contro l’influenza e lo pneumococco, infezioni potenzialmente gravi in ​​questi pazienti.

  • Cortisone e IUD: attenzione

Uno degli effetti contraccettivi dello IUD (spirale contraccettiva, dispositivo intrauterino con filamenti di rame) è dovuto alla leggera infiammazione che provoca nell’utero. Il cortisone è un antinfiammatorio. “In linea di principio, non vi è alcun rischio che la loro contraccezione con IUD sia meno efficace, avverte il professor Fardet. Ma se alcune persone preferiscono cambiare la contraccezione, non le consiglio”

  • Deve essere interrotto molto gradualmente

Oltre un mese di trattamento, si raccomanda di ridurre le dosi per gradi, prima di interrompere l’assunzione, per consentire alle ghiandole surrenali, che hanno ridotto la loro attività, di assumere il controllo. Quando il trattamento viene interrotto, a volte hanno problemi di “riavvio”. Il rischio per il paziente è di finire in un’insufficienza surrenalica, una condizione che può mettere in pericolo la sua vita. Da qui la raccomandazione di non interrompere mai improvvisamente la corticoterapia.

I corticosteroidi, le creme di cortisone da applicare sulla pelle, ad esempio in caso di eczema, hanno meno effetti collaterali rispetto ai trattamenti orali.

Fonte: santemagazine

Ti potrebbe interessare anche >>>10 farmaci che inibiscono la funzionalità renale