Se sei allergico agli acari non mangiare gamberetti

Hai mai sentito parlare di un’allergia crociata? L’allergia crociata si verifica quando una persona allergica a una sostanza reagisce a un’altra perché ci sono proteine ​​simili in entrambe le sostanze anche se a priori non hanno nulla in comune.

Allergia al sole, come proteggersi dalla lucite estiva benigna

Una persona allergica a questa proteina può quindi reagire allo stesso tempo:

a un polline e un cibo
a due cibi distinti
a due diversi pollini

Le principali allergie crociate

Allergie ai pollini incrociati

  • Betulla: Ontano, carpino, nocciola, quercia, castagna, oliva, frassino, lilla, timothy, quackgrass, ambrosia, salvia

Allergie incrociate tra polline e cibo

  • Ambrosia: pesca, mela
  • Assenzio romano: sedano
  • Betulla: Mela, patata, pesca, ciliegia, pera, albicocca, nocciola, carota, sedano, prezzemolo, pomodoro, soia, arachidi
  • Cipresso: pesca
  • Ficus: fico

Allergie crociate alimenti

  • Uovo: pollame
  • Latte di mucca: Manzo, latte di capra, latte di cavalla
  • Arachide: Soia, piselli, lenticchie, lupino, altra frutta a guscio
  • Sesamo, senape: Nocciola, kiwi, altri semi
  • Pesci: Altri pesci
  • Nocciola: Noci del Brasile, anacardi
  • Gamberetti: Granchio, aragosta
  • Grano: Segale d’orzo
  • Pesca: Mela, prugna, ciliegia, pera
  • Melone: Anguria, banana, avocado

Allergie incrociate animali

  • Gatto: Cane, roditori, cavallo, bovini, maiale
  • Acari: Gamberetti, granchi, aragoste, lumache, scarafaggi

Allergie incrociate tra pneumallergeni non pollinici e alimenti

  • Acari:Gamberi lumaca
  • Latex: Kiwi, banana, avocado, castagne, melone
  • Uccelli: Uovo di gallina, uovo di quaglia, carne di pollo, carne di tacchino, latte di mucca
  • Gatto: Carne di maiale
  • Lupino: arachide

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Come affrontare la mia allergia?

Fonte: Istock

In caso di una diagnosi di allergia a un alimento

Quando si sospetta un’allergia alimentare, è essenziale l’opinione di un allergologo. Dobbiamo innanzitutto assicurarci che si tratti di un’allergia alimentare e, in secondo luogo, identificare la sostanza o le sostanze responsabili della reazione allergica. Esistono molte allergie crociate che coinvolgono alimenti. Effettuando questa diagnosi precisa, il tuo allergologo proporrà una dieta basata esclusivamente sulle tue allergie e non su possibili test falsi positivi. Ciò consente di evitare diete vincolanti e ingiustificate.

In caso di una diagnosi di allergie a un pneumoallergenico

Se troviamo test positivi per le sostanze responsabili dell’allergia respiratoria (acari, pollini, animali …), solo un’accurata diagnosi allergenica può portare ad un trattamento immunoterapico con allergeni.

L’allergia crociata tra pneumallergeni spesso spiega perché ci sono più test positivi nella stessa persona. L’allergologo sceglierà quello che è necessario e sufficiente per il tuo trattamento e che curerà tutte le tue allergie.

Ad ogni modo ti sarà utile:
Adottare tutte le misure per combattere la presenza delle sostanze responsabili dell’allergia e limitare il loro contatto con la persona allergica. Lo sfratto è essenziale e sempre efficace, ma a volte incompleto (acari) o impossibile (polline) e pertanto deve spesso essere associato al trattamento farmacologico o all’immunoterapia con allergeni.

Allergie alimentari e farmacologiche

Il tuo allergologo può consigliarti, a seconda del risultato della sua valutazione di continuare a mangiare normalmente cibi che non sono realmente responsabili dell’allergia a casa. Puoi fare un test o un esame del sangue e potrebbe risultare positivo per un alimento senza che tu sia allergico ad esso, ad esempio perché è un allergene crociato.

Potresti dover evitare il cibo o gli alimenti responsabili e / o gli alimenti associati. È noto, ad esempio, che quando si è allergici ai gamberi c’è un alto rischio di reazione a tutti i crostacei; è quindi consigliabile non mangiarli.

Presta anche attenzione alle preparazioni alimentari e ai farmaci industriali controllando le etichette (allergeni mascherati).

Allergie ai pollini

Evita le passeggiate nei boschi e nei parchi durante la stagione pollinica e nei periodi secchi e soleggiati e nelle giornate ventose.
Chiudi le finestre a metà mattina e nel primo pomeriggio (quando il polline è molto presente nell’aria).
Guidara in auto tenendo il finestrino chiuso.
Lavati i capelli la sera prima di andare a letto.
Evitare di falciare il prato o di essere presenti durante la falciatura.

Allergia agli acari

Ridurre l’umidità della stanza
Ridurre la temperatura della stanza a meno di 19 ° C
Adatta le zone giorno (lava tende e cuscini a 60 °, preferisci mattonelle il parquet e il linoleum a tappeti e moquette …).
Rimuovi la polvere sui mobili e usa l’aspirapolvere di frequentemente
Lava spesso gli oggetti che favoriscono lo sviluppo di acari della polvere (lavare animali di peluche e lenzuola a 60 ° …).
Utilizza un acaricida e una copertura antiacaro

Allergia da contatto

Evitare il contatto con l’allergene coinvolto

Trattamenti sintomatici

I cosiddetti trattamenti “sintomatici”, a livello locale (gocce, colliri) o per via generale (compresse, capsule), possono essere assunti per alleviare manifestazioni allergiche.
Questi farmaci agiscono sui sintomi mascherando le conseguenze della reazione allergica ma non la sopprimono.
Esempi di trattamenti “sintomatici”: antistaminici, corticosteroidi.

Immunoterapia allergica e allergie crociate

Solo una diagnosi allergica può portare all’istituzione di un trattamento immunoterapico con allergeni.
Differenziando tra allergia e cross-reattività, il tuo allergologo adatterà meglio la scelta dell’allergene alla tua immunoterapia allergenica.
Prima di conoscere i meccanismi delle allergie crociate, alcune allergie erano etichettate come “allergiche a tutto”.
In effetti, troviamo in loro un’allergia principale con veri sintomi associati e test positivi senza sintomi associati da reattività crociata.

Fonte:stallergenesgreer

allergie rimedi acari muffe
Donna che si soffia il naso, IStock