Pressione arteriosa, i valori di normalità in base a sesso ed età

0
52

Pressione sanguigna bassa, alta o normale? Ecco i valori di normalità

pressione alta
ipotensione e ipertensione, IStock

Ciò che viene chiamato colloquialmente “pressione” riflette la pressione del sangue sulle pareti delle arterie. Troppa pressione indica sofferenza di questi grandi vasi sanguigni. Se la situazione persiste, aumenta il rischio di infarto, ictus o insufficienza cardiaca. Quasi un adulto su tre ne soffre, a volte senza saperlo.

Secondo il prof. Xavier Girerd, cardiologo e presidente della Fondazione per la ricerca sull’ipertensione arteriosa, si raccomanda lo screening automatico dell’ipertensione dall’età di 30 anni, una volta all’anno, specialmente nelle persone in sovrappeso , in quelle i cui genitori sono ipertesi e in persone che seguono una dieta ricca di sale.

La pressione può variare durante il giorno ma, in media, non deve superare una determinata soglia. Per misurarla, esistono dispositivi elettronici, tensiometri, molto facili da usare. In questo modo ognuno può valutare la propria pressione, a casa o in farmacia. Il risultato visualizzato dal dispositivo consente di sapere se la pressione è normale o meno.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Curiosità & Benessere  CLICCA QUI

Come utilizzare un misuratore di pressione sanguigna

Pressione Bassa (iStock)

L’auto-misurazione deve essere eseguita a riposo, in un ambiente tranquillo: niente telefono, nessuna discussione animata, nessuna sigaretta (il tabacco aumenta di 10 millimetri la pressione sistolica al mercurio per 20 minuti dopo ogni sigaretta) .

Basta posizionare la fascia intorno al braccio (il braccio è preferibile al polso) e premere il pulsante di avvio. La fascia può essere posizionataa diretto contatto con la pelle o su uno strato sottile di indumenti, come una camicia.

Al termine della misurazione, lo strumento visualizza due valori. Il primo corrisponde alla pressione sistolica (Sys sullo schermo), vale a dire la pressione durante la contrazione del cuore. Il secondo corrisponde alla pressione diastolica (Dia sullo schermo), vale a dire la pressione durante il rilassamento del cuore.

Il giusto ritmo per misurare la tua pressione

Per lo screening, sono sufficienti da una a tre misurazioni distanziate al minuto, quando la pressione è normale.

Per confermare la diagnosi di ipertensione, è necessario effettuare tre misurazioni al mattino (20 minuti dopo l’alba), a un minuto di distanza e tre alla sera prima di coricarsi per tre giorni. La media può essere calcolata prendendo da 12 a 18 misurazioni. Con questo indicatore, il medico curante potrà infine diagnosticare se la pressione è alta e se è necessario iniziare il trattamento.

I valori della pressione sanguigna

Studi scientifici hanno dimostrato che la media di 12-18 misurazioni, eseguite mediante auto-misurazione, non dovrebbe superare 135/85 millimetri di mercurio (mmHg). “Se uno di questi due numeri supera questi limiti, nel paziente aumenta il rischio di malattie cardiovascolari”, afferma il professor Girerd.

Questi valori sono validi per tutta la vita. Ma, con l’età, la pressione sistolica aumenta. Inoltre, nelle persone con più di 80 anni, la media da non superare è 145/85.

Cosa fare in caso di picco di pressione?

La pressione sanguigna non è stabile. È più bassa durante il riposo e aumenta durante le emozioni e l’attività fisica.

A volte, e senza motivo, la tensione aumenta, si avverte calore in viso o un leggero mal di testa. Questi “picchi di pressione” sono più comuni nei soggetti anziani.

“Per il medico specialista, un’impennata di pressione richiede cure mediche urgenti solo se è accompagnata da segni neurologici o cardiaci. In caso di paralisi, mancanza di respiro o dolore al petto, è essenziale una chiamata al servizio di emergenza “, ricorda il cardiologo. Altrimenti, si consiglia di riposare fisicamente e psicologicamente per circa quindici minuti. In generale, questo è sufficiente per ridurre la tensione. Sarà necessario consultare il proprio medico nei giorni successivi all’episodio per fare il punto e possibilmente adottare il trattamento contro l’ipertensione.

Quando si parla di pressione troppo bassa?

La pressione è considerata anormalmente bassa solo quando la pressione sistolica è inferiore a 90 durante il giorno. Tali valori vengono naturalmente raggiunti durante la notte, nelle fasi del sonno profondo. Accade che al risveglio la tensione sia ancora un po ‘bassa, causando vertigini. Se si abbassa quando si passa da seduto o sdraiato a in piedi, si chiama ipotensione ortostatica. Ciò può causare vertigini e il rischio di cadere è molto reale.

L’ipotensione ortostatica è più comune negli anziani, nei diabetici e durante il morbo di Parkinson. Quando il fenomeno si verifica in una persona che assume un farmaco contro l’ipertensione, è necessario rivedere il proprio medico per ridurre il trattamento.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI