Home Attualità 25 Aprile, Festa della Liberazione: ecco perchè festeggiamo

25 Aprile, Festa della Liberazione: ecco perchè festeggiamo

CONDIVIDI

Tutta Italia oggi festeggia la Festa della Liberazione, sapete perché? Ve lo spieghiamo brevemente.

The Italian Air Force aerobatic unit Frecce Tricolori (Fonte: GettyImages)

Il 25 Aprile, in Italia, si è sempre in vacanza: chi in viaggio e chi a casa, la Festa della Liberazione regala a tutti un po’ di sollievo dagli impegni quotidiani. Perché la festeggiamo proprio oggi? Perché il 25 Aprile del 1945, settantaquattro anni fa, i soldati nazisti e fascisti si ritirarono dalle città di Torino e Milano. In realtà l’occupazione fascista non finì all’improvviso, ma il 25 Aprile è stato scelto come data simbolica poiché fu in quel giorno che i soldati nazisti e fascisti iniziarono ad abbandonare le proprie sedi a Torino e a Milano, in seguito alla ribellione popolare guidata dai partigiani. Nonostante l’inizio della ritirata fascista, la guerra in Italia non finì il 25 Aprile 1945: continuò ancora per pochi giorni, fino agli inizi di Maggio dello stesso anno.

L’Italia non è l’unico paese europeo a ricordare con gioia la fine dell’occupazione violenta avvenuta durante la Seconda Guerra Mondiale: Olanda e Danimarca festeggiano la Liberazione il 5 Maggio, la Norvegia l’8 Maggio e la Romania il 23 Agosto.

Potrebbe interessarti anche –> I termini del sessismo in Italia e nel mondo

Come festeggiare il 25 Aprile 2019

The Italian Air Force aerobatic unit Frecce Tricolori (Fonte: GettyImages)

Se siete ancora a casa e non sapete come trascorrere questa giornata di festa, vi consigliamo alcune iniziative organizzate proprio a Milano e a Torino.

Milano

  • Alle 14:30 partirà un corteo da Corso Venezia, per raggiungere Piazza Duomo lungo le vie del centro. Al termine ci sarà un comizio, con intervento del sindaco Beppe Sala.
  • L’Arco della Pace diventerà teatro di un grande evento musicale, a partire dalle 18.30 fino a mezzanotte: si tratta di “Partigiani in Ogni Quartiere 2019”, iniziativa arrivata alla 12esima edizione. Impegnati in un concerto antifascista a ingresso libero e gratuito, vi saranno gruppi come Gang, i Persiana Jones, i Delta V, Moni Ovadia, Alberto Patrucco, Double Trouble, Tommy Kuti, Sistah Awa, Paolo Berizzi, Renato Sarti e Rap Caverna Posse. La manifestazione si sposterà a Macao (Viale Molise 68) in caso di maltempo.
  • A Cernusco sul Naviglio, presso Villa Fiorita, cena a base di pastasciutta in occasione di “Parole (chiave) della Resistenza”.  Dalle 21.30 il concerto dell’Orkestrina Katerinke, basato sulle musiche tradizionali dell’Europa dell’est, con un repertorio Klezmer, Yiddish e di musica Rom. [Fonte: Milano Weekend]

Torino

  • Per tutta la giornata di oggi apertura straordinaria, con orario prolungato dalle 10:00 alle 22:00, del Museo diffuso della Resistenza, della deportazione, della guerra, dei diritti e della libertà.
  • In Via Baltea numero 3 si celebra la Festa della Liberazione con “Mille papaveri rossi”, un appuntamento che raccoglie le storie della resistenza nel quartiere.
  • Il Circolo dei lettori alle 17:00 ospiterà lo spettacolo: “Stop! Musiche Resistenti!”. Il percorso, musicale ed emotivo, toccherà aree e periodi storici differenti, tutti riconducibili a un’idea universale di Resistenza: dalla lotta italiana al nazifascismo, al Cile di Pinochet, dal Sudafrica dell’Apartheid agli afroamericani in catene nei campi di cotone.
  • A partire dalle ore 20:00, per le vie del centro si terrà una fiaccolata commemorativa. [Fonte: TorinoToday]

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI