Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Problemi cardiaci: come curarli con la dieta di Birmingham

Problemi cardiaci: come curarli con la dieta di Birmingham

CONDIVIDI

Ideata negli Stati Uniti per curare i pazienti obesi affetti da problemi cardiaci la dieta di Birmingham promette 2 kg in meno in appena 3 giorni.

Nata come molti programma dietetici negli USA, la dieta che andremo a scoprire assieme in questo articolo prende il nome dal luogo in cui è stata sviluppata ovvero dalla Birmingham Heart Hospital Diet e Cardiac Unit of UAB Hospital Diet dell’Alabama.

Cosa promette – Questo regime alimentare consente di perdere peso in tempi brevi, senza però compromettere la salute come può succedere seguendo diete severe e molto limitate nella gamma di alimenti concessi, inoltre protegge il cuore allontanando i rischi di ictus o diabete.

Per avere una risposta alle curiosità del quotidiano cliccate qui 

E’ bene adottarla per pochi giorni – Nello specifico al massimo 3 a causa delle importanti limitazioni in termini di calorie, parliamo infatti di 1000 kcal al dì. Il programma alimentare di Birmingham prevede il consumo di cibi proteici e con un forte potere saziante. Diversamente vanno limitati i carboidrati e i grassi. Superata questa fase si potrà tornare ad inserire man mano tutti gli alimenti durante i pasti.

Quando utilizzare questo schema – E’ possibile sfruttarlo ogni qualvolta ci si sente gonfi o si avverte il bisogno di smaltire qualche chiletto. Attenzione però a non eccedere le 4 volte al mese.

Come consigliamo sempre, è bene in ogni caso confrontarsi con il proprio medico prima di iniziare a seguirla, per capire se è compatibile e adatta e voi.

Ti potrebbe interessare anche—->>> Feste di Pasqua: scopri la dieta detox post abbuffate

In cosa consiste la dieta Birmingham

IStock

Se l’interesse primario è quello di dimagrire velocemente e in modo efficace è fondamentale adottare un tipo di alimentazione iperproteica a base di pesce ricco di Omega 3, carne magra e legumi in quando fonte di proteine vegetali.

Vanno evitati invece tutti quei cibi che contengono amido e un alto tasso glicemico.

Ecco dunque che è preferibile mangiare almeno 5 porzioni di verdura e frutta per fare il pieno di acqua e fibre.

Una giornata tipo – Cominciare con una colazione a base di yogurt bianco, un frutto e una spremuta d’arancia. Per pranzo può andar bene un’orata al cartoccio con erbette e  ortaggi cotti a vapore. Per cena infine un petto di pollo alla piastra con verdure grigliate condite con olio EVO e aceto balsamico.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI