Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Dimagrire velocemente: quali diete sono davvero efficaci

Dimagrire velocemente: quali diete sono davvero efficaci

CONDIVIDI

Spesso le diete ci promettono di perdere parecchi chili in pochi giorni e con il minimo sforzo, ma alla fine si rimane delusi. Ecco cosa bisogna fare quando ci si trova davanti a tante proposte allettanti.

E’ molto facile, specialmente in questo periodo dell’anno, cadere nella tentazione di seguire un regime alimentare super severo e limitato per cercare di perdere quanto più peso possibile in fretta. Di sovente però questi programmi sono ingannatori e nocivi per la salute, in quanto non solo fanno smaltire rapidamente il grasso, ma intervengono pure su ciò che abbiamo di buono, ovvero la massa magra.

Cosa fare – Se proprio vogliamo fare una dieta, è bene scegliere quelle che prevedono un taglio delle calorie non superiore al 30%, e dunque 500 – 800 kcal al giorno. Le note diete fast possono andare bene per una toccata e fuga, ma devono poi essere seguite dal mantenimento di un regime equilibrato per confermare i risultati.

Per avere una risposta alle curiosità del quotidiano cliccate qui

Ad ogni modo il primo must per coloro che vogliono dimagrire è bere tanta acqua per tenere idratato l’organismo e agevolare la diuresi.

Alcuni esempi di diete veloci ed efficaci

Fonte: Istock

Qui sotto proponiamo 3 possibilità:

La dieta chetogenica – Si basa sulla riduzione dei carboidrati in modo da portare l’organismo a produrre da sé il glucosio necessario al metabolismo, aumentando di conseguenza il consumo energetico dei grassi contenuti nelle riserve. In questo caso ok a proteine e grassi che aumentano il senso di sazietà. I rischi: l’aumento dell’acido urico e un’alterazione dell’equilibrio elettrolitico con conseguente disidratazione e perdita di calcio.

Ti potrebbe interessare anche—->>> Problemi di ipertensione: scopri la dieta giusta da seguire

Le diete a tema – Sono quelle che prediligono un solo alimento con basso  contenuto calorico. La loro forza è la psiche. Potendo assumere solamente un tipo di cibo, alla fine si mangia di meno e ci si sente sazi con meno calorie.

La dieta del digiuno a intermittenza – Questo genere di programmi ipocalorici che si basano su un digiuno parziale o totale, prediligono soprattutto frullati, tisane e verdure.  Rallentando il metabolismo il rischio però è di perdere assieme ai chili anche la muscolatura. Lo schema utilizzato può essere di 8 ore di alimentazione e 16 di digiuno, per cui basta saltare la colazione, fare pranzo a mezzogiorno e cena prima delle otto di sera; piuttosto che  due giorni alterni della settimana in cui si assumono al massimo 500-600 calorie.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI