Home Maternità

Questo padre lascia morire suo figlio neonato su una panca, il motivo è scioccante

CONDIVIDI

Un padre abbandona il bambino su una panca e lo lascia morire perché è “stanco di prendersi cura di lui”

Bambini e abusi, dati sempre più allarmanti

Da 500 a 600 bambini vengono abbandonati ogni anno in media in ciascun paese europeo. Dall’introduzione di una legge nel 1941 che consentiva alle madri di separarsi dai loro figli alla nascita, circa 500.000 bambini sono nati figli di X. Ma quando un genitore abbandona il figlio al di fuori del quadro legale, a prescindere dalla sua salute, dalla sua sicurezza o il suo benessere, viene considerato un criminale. Se l’abbandono o una violenza sul proprio figlio è un gesto difficile da capire, pensate quanto possa essere difficile capire questo padre che ha abbandonato il figlio piccolissimo su una panchina con l’intenzione di farlo morire perché “era stanco di prendersi cura di lui”. La storia trapelata da TheSun è agghiacciante.
Se vuoi essere informato su tutte le novità su Genitori & Psiche  CLICCA QUI

L’abbandono non comporta solo l’abbandono fisico, ma può anche includere casi estremi di abbandono o distacco emotivo, come quando un genitore offre poco o nessun interesse o supporto al proprio figlio per lunghi periodi di tempo. Una persona accusata di aver abbandonato un bambino può incorrere in una vasta gamma di sanzioni e pene a seconda del paese in cui si trova.

Baden, 22 mesi, abbandonato su una panchina da suo padre

Shane Arthur Simpson si è dichiarato colpevole di omicidio colposo dopo aver abbandonato il figlio Baden Bond, che aveva appena 22 mesi su una panchina del parco perché era “stanco di prendersi cura di lui”. Secondo quanto riferito, il crimine è stato commesso nel 2007 ma, secondo la Corte Suprema, il corpo del bambino non è mai stato trovato.

Shane ha detto alla corte di aver abbandonato il figlio nei pressi di una rampa una notte di maggio del 2007 perché “era stanco di prendersi cura di lui”. Ha dichiarato che si è seduto con suo figlio per circa 20 minuti e gli ha parlato prima di andarsene senza mai voltarsi.

Il padre disse che Baden continuava a guardarlo negli occhi mentre gli parlava “come se capisse cosa stava per accadere”.

Shane prese della metamfetamina per alleviare la sua coscienza, ha detto alla polizia: “Non mi sono nemmeno guardato allo specchio. Vivo con questo rimorso da 10 anni. Ho ancora in mente l’immagine dei suoi occhi “. Dina Colleen Bond, la madre di Baden si è dichiarata anch’essa colpevole di essere complice del crimine.

Durante il processo, il tribunale ha anche appreso che la coppia chiamava il piccolo Baden “il figlio del diavolo” e che dovette sopportare abusi per tutta la sua breve vita. I suoi genitori lo hanno lascivano da solo al buio senza cambiargli i pannolini per giorni. Shane e Dina rimproveravano il loro bambino di aver causato loro “problemi” perché dopo la sua nascita, Baden e i suoi fratelli e sorelle furono immediatamente presi in consegna dal governo poichè il bambino nacque con tracce di metanfetamina nel corpo. Sfortunatamente, i bambini furono rispediti ai loro genitori un anno dopo.

Per spiegare il suo gesto, Shane disse che Baden era “difficile” e che “tutto diventava sempre più difficile”. Il bambino è stato visto per l’ultima volta nel 2007 ma non è stato segnalato come scomparso fino al 2015, poiché i genitori non sono stati accusati penalmente per 10 anni. Sono stati accusati solo nel marzo 2017 a seguito di un’indagine che ha rivelato che Baden non era stato segnalato in nessuna scuola o visitato da nessun medico negli ultimi 10 anni.

Genitori tossico dipendenti, una combinazione disastrosa

Le conseguenze della dipendenza dei genitori possono essere terribili per un bambino. I genitori hanno una percezione della realtà distorta tanto che possono mettere a rischio i loro figli, trascurarli o maltrattarli. Avere genitori dipendenti significa avere una vita instabile, violenta e rischiare di morire per i bambini, specialmente quando sono piccoli.

In realtà, semplicemente esporre i bambini a droghe pericolose e illegali è considerato abuso o negligenza. Sotto l’influenza di queste sostanze, violenza fisica o verbale, abuso o comportamento sessuale improprio può mettere il bambino a disagio e una eccessiva mancanza di attenzione può essere pericolosa per la sicurezza del bambino. Inoltre, è stato osservato che i bambini cresciuti in un ambiente di abuso di droghe, alcol e criminalità tendevano a riprodurre lo stesso modello in età adulta. Pertanto, è necessario interrompere questo ciclo per proteggere le vittime minorenni di questo tipo di abuso.