Home Maternità

Si rifiutano di abortire il loro bambino “deformato”, guarda com’è oggi 2 anni dopo

CONDIVIDI

Ad ogni nascita, un sentimento di gioia indescrivibile invade i genitori. Per questa coppia, le cose non sono andate esattamente come previsto. Ecco la commovente storia di un bambino eccezionale riportata da Huffington Post.

Gestazione e malformazioni del feto, dicono NO all’aborto, il bimbo oggi

A 24 settimane di gravidanza questa giovane coppia in attesa del loro primo figlio, apprende che il loro bambino è affetto da una grave malformazione del viso.

Nessuno può immaginare il dilemma provato dai genitori all’annuncio di problemi di sviluppo del feto. In caso di malattia o deformazione genetica, l’uso dell’aborto è un argomento estremamente sensibile. Eppure per Sarah Heller e Chris Eidam, la questione non si pone, i due neo genitori decidono di accogliere con amore il loro primo figlio anche se affetto da labio e palatoschisi.

Labio e palatoschisi

Secondo SODF (Società di Ortopedia dento-facciale), la labio e palatoschisi sono malformazioni che colpiscono un bambino su 750. Sono caratterizzati da un “deficit di tessuto, scheletrico e dentale” che può toccare diverse aree del viso separatamente o in gruppi. Questa condizione rara può verificarsi in diverse forme: “parziale o totale unilaterale (destra o sinistra) o bilaterale.”

Più comunemente definita condizione del labbro leporino, essa richiede un intervento chirurgico multidisciplinare per il trttamento. Causa molti problemi a livello di  “nutrizione, respirazione, udito, parola e di crescita.” Come spiega il SODF, gli effetti variano a seconda della posizione e della dimensione della malformazione e porta a  malformazioni del viso del neonato.

Sebbene non identificate chiaramente, alcune condizioni sembrano essere condivise dai bambini con labbro e palato leporino. Come ha spiegato l’Ospedale CHUSainte e Justine Università di Tours, fattori genetici possono svolgere un ruolo nello sviluppo di questa malformazione e oppure l’assunzione di alcuni farmaci, il fumo e il consumo di alcol.

Genitori straordinari

Dare il benvenuto al proprio primo figlio è un’esperienza senza precedenti per i genitori, e la speranza che sia in buona salute è il secondo desiderio durante la gravidanza e dopo. Per Sara e Chris Eidam, la gravidanza èstata più complicata del previsto, ma questo nonha impedito alla coppia di lottare per il loro bambino e dargli tutto l’amore di cui aveva bisogno.

Brody, è il nome del loro bambino che all’età di pochi mesi, subisce l’inserimento di un tubo di gastrostomia (SMS) per garantirne la nutrizione. Le complicanze della sua malformazione sono numerose e richiedono operazioni chirurgiche multiple molto costose.

Dando alla luce Brody, Sara cerca di cambiare la percezione degli altri. L’amore incondizionato di questa madre insegna agli altri genitori i cui figli sono affetti dalla stessa malformazione ad essere orgogliosi dei loro intrapendendo numerose iniziative sui social, iniziative che non sempre sono state ben accolte. Questa madre ha dovuto sopportare non pochi commenti offensivi su suo figlio. Un utente avrebbe scritto sotto una foto pubblicata: “Ma che cos’ha sulla faccia?”

Sara racconta alla rivista Today lo shock che ha provato.Ammette che non era psicologicamente pronta a dover difendere il suo bambino dagli sguardi schifati, solo pochi mesi dal parto. Tuttavia, non si lasciò abbattere:

“Ho deciso di educare piuttosto che impegnarmi in un confronto, perché è quello che voglio per Brody in futuro, voglio che educhi, che sia il portavoce dei bambini più piccoli con la stessa malformazione che non possono ancora esprimersi “.

Fortunatamente, i commenti crudeli vengono rapidamente dissipati da gesti di estrema generosità. Questa coppia vivrà un momento ricco di emozioni grazie al gesto di uno sconosciuto che donerà a Brody una somma di $ 1.000 (882 euro).

Questo dono inaspettato innesca una nuova possibilità per suo figlio, l’accesso a  cure che lei e suo marito non potevano permettersi. Pochi mesi dopo, Brody subisce le sue prime operazioni e grazie a un team medico eccezionale, il bambino sarà presto in grado di mangiare e parlare in un futuro molto vicino.

La storia di questo bambino coraggioso e incredibile ci mostra che a volte un singolo gesto può fare la differenza e che l’umanità è piena di bontà che aspetta solo di essere condivisa.