Fobia dei bimbi: il fenomeno allarmante che sta minando la felicità dei bambini

Un bambino felice è forte, irrequieto e indisciplinato, elementi che infastidiscono al punto da far nascere movimenti e strutture in cui i bambini non sono ben accetti. Ecco cos’è la “fobia dei bambini”.

Educazione dei bambini, cosa fare per farli crescere felici

Quali sono i metodi da adottare per godere della migliore educazione possibile e aiutarlo a confrontarsi con la sua vita futura? Queste sono le domande che la maggior parte dei genitori si pongono, soprattutto quando si trovano di fronte a bambini rumorosi, attivi ed emotivi.

È importante sottolineare, in primo luogo, che un bambino normale è un bambino che piange, esprime le sue emozioni e la sua gioia; questa è la definizione di un bambino felice che è nell’età della scoperta e della sperimentazione. Un bambino ha bisogno di imparare, giocare e inventare facendo appello al suo mondo immaginario per creare storie che porteranno gioia alla sua vita. Un bambino vive nel momento presente e non si preoccupa del domani. Vuole godersi ogni momento esprimendo i suoi sentimenti, a modo suo e non gli importa l’inconveniente che causa ai suoi genitori o al suo entourage.

Un fenome allarmante, siamo sempre  più intolleranti ai bambini

Un nuovo fenomeno è emerso, tuttavia, e uno dei più preoccupanti è la “fobia del bambino”. È un movimento emerso negli Stati Uniti e nel Regno Unito, in via di propagazione. Stiamo assistendo sempre più alla nascita di particolari tipi di alloggi che negano la presenza di bambini per non disturbare gli ospiti con grida e pianti di notte o durante i momenti di relax in piscina. Lo stesso fenomeno si sta verificando in alcuni ristoranti dove è vietato l’ingresso ai bambini, in modo che gli ospiti possano godersi un momento di pace e serenità durante i pasti.

Questo movimento ci spinge a pensare: abbiamo perso la nostra empatia, la nostra comprensione, la nostra compassione e il nostro amore per i bambini per arrivare a questo punto? Abbiamo dimenticato che noi stessi eravamo rumorosi, chiassosi e pieni di bambini che vivevano e che era un bisogno vitale per il nostro equilibrio?

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Figli & Benessere  CLICCA QUI

Questi bambini che disturbano negli spazi pubblici

Queste esperienze sono state vissute da molte persone, comprese le madri, che sono state invitate a lasciare gli spazi pubblici perhè i loro bambini erano rumorosi. Queste madri venivano chiamate madri cattive che non sapevano come educare i loro figli. Ciò che è ovvio è che la maggior parte non ricorda più che i bambini piangono e si muovono e questo è parte della loro natura.

La verità su queste idee stigmatizzate

Un bambino nasce con il suo carattere e la sua personalità. Ci sono bambini irrequieti e altri più tranquilli; l’educazione dei genitori non è necessariamente la causa dell’agitazione del bambino. I bambini hanno il loro linguaggio per comunicare con chi li circonda e non è sempre per il piacere dei genitori che si trovano, a volte sopraffatti. Di conseguenza, dobbiamo mostrare un minimo di empatia e compassione per quei genitori che fanno del loro meglio per educare i loro bambini.

Un bambino felice è un bambino che corre, grida e attira l’attenzione degli altri. Non era nato per essere un solitario, stanco e indifferente alla vita; non sarebbe normale in questo caso.

Mettere pressione su un bambino che grida o si esprime equivarrebbe a inibire la sua capacità di incantare, conoscere, sperimentare e essere felice.

Lascia che il bambino viva pienamente la sua infanzia

È necessario lasciare che il bambino si esprima e scopra le sue capacità e soddisfi le sue curiosità di apprendimento, a condizione che sia sorvegliato e protetto da ogni pericolo, per mostrargli il bene e il male di ogni cosa.
È importante lasciarlo giocare per ridurre la sua ansia, la tensione e liberare la sua creatività.

Limiti all’educazione del bambino

Secondo l’insegnante e l’allenatore, Kim Payne, dobbiamo evitare di educare i nostri figli all’eccesso di informazioni, scelta e velocità e piuttosto incoraggiarli ad uscire, respirare l’aria e tenerli lontani dal mondo. tecnologia che li monopolizza e distrugge il loro potenziale creativo. Dobbiamo lasciarli correre, gridare ed esprimere la loro gioia come la loro rabbia. Avranno tutta la loro vita per stabilirsi e stare calmi senza disturbare.

Bisognerebbe avere compassione di quei coraggiosi genitori che fanno del loro meglio per rendere la loro prole la prossima generazione ed entrare in empatia con quei bambini che stanno solo aspettando di esprimere la loro innocenza.

Ti potrebbe interessare anche—->>>Le 5 lezioni di vita che dovremmo imparare dai bambini

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI