Ecco le sei differenze tra l’essere padre e l’essere un papà

genitori
differenze psicologiche tra primo e secondo figlio (Istock Photos)

Essere un padre o un papà non è la stessa cosa! Ecco le sei principali differenze.

giornata mondiale felicitàEssere padre o papà, qual’è la differenza?

Un padre interpreta sempre il ruolo di un papà? Il padre è il genitore, ma il papà è l’educatore e c’è una grande differenza tra loro. Un bambino che vive con un padre che in realtà non svolge il ruolo di un papà può sentire un grande vuoto emotivo nella sua vita.

In Psychologies Claude Halmos, uno psicoanalista, afferma che un padre dovrebbe essere sia il genitore di cui figlio ha bisogno per conoscere l’esistenza e l’identità, sia il “papà”, che solleva ed educa il bambino con un autorità paterna di cui il bambino ha bisogno per interiorizzare, per situarsi e orientarsi.

Ma un padre interpreta sempre il ruolo di un papà?

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Famiglia & Figli  CLICCA QUI

Ecco le differenze importanti tra l’essere padre e l’essere un papà

1- Un padre è biologico, un papà è emotivo

Qualsiasi uomo può essere un padre dal momento che egli è responsabile del concepimento del bambino ma essere papà richiede la presenza nella famiglia e la partecipazione all’istruzione e allo sviluppo del bambino. Un papà dà affetto, attenzione e amore a differenza di un padre che non assume questi compiti emotivi.

2- Un padre può essere assente ma un papà è sempre presente

Il padre biologico non è necessariamente presente, in quanto può abbandonare la madre, mentre lei è incinta o addirittura abbandonare la famiglia dopo la nascita del bambino.
Un papà potrebbe non essere il vero padre ma un padre surrogato; può essere il suocero per esempio. Quest’ultimo assume il ruolo di papà adottando questo bambino come se fosse suo e sarà sempre presente in tutte le fasi della sua vita.

3- Il padre parla per lui, il papà parla per il bambino

Un padre non si rivolge a suo figlio-bambino ma a una persona. La sua comunicazione è fredda e non mostra molto interesse per suo figlio.
Mentre un papà è in attenzione e comprensione. Sarà sempre allo stesso livello di suo figlio e parlerà la sua lingua per una comunicazione più fluida e amichevole.

4- Un padre non sarà mai l’idolo del bambino ma un papà si

Un padre non sarà interessato all’immagine che trasmetterà e darà a suo figlio; non gli importa di essere l’esempio perfetto per il bambino.
Al contrario, il papà cerca sempre di essere impeccabile e perfetto agli occhi del suo bambino perché sa che il suo bambino lo imiterà prima o poi. Per questo motivo, cercherà di essere laborioso, onesto e sarà sempre ammirato da suo figlio.

5- Un padre è un giudice ma un papà capisce

Un padre non cerca di conoscere il suo bambino e quando fa un errore, viene immediatamente giudicato da lui che non tenta in alcun modo di capirlo. Di conseguenza, le sue parole potrebbero essere offensive per lui e potrebbero contrassegnarlo per la vita.
Al contrario, un papà padroneggia se stesso anche se è arrabbiato. Cerca di capire la situazione di suo figlio e di fare del suo meglio per aiutarlo a migliorare i suoi punti deboli sostenendolo e aiutandolo. In questo modo, rafforzerà la fiducia in se stesso del bambino in modo che possa avere successo nella sua vita futura.

6- Un padre rifiuta, un papà accetta

Un padre può rifiutare il figlio al minimo passo di quest’ultimo. Non avrà remore ad abbandonarlo freddamente accusandolo di tutti i mali.
Un papà accetta il suo bambino come è, in alcun modo la personalità del bambino può influenzare il suo affetto per lui. E il bambino, come ogni essere umano, ha bisogno di essere amato per quello che è veramente, è per questo che lo considererà il megliore papà del mondo.

Ti potrebbe interessare anche—->>> I genitori che educano bene i loro figli fanno queste 5 cose

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI