Home Attualità Julen nel pozzo, la storia è finita

Julen nel pozzo, la storia è finita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:51
CONDIVIDI

Gli enormi sforzi delle squadre di soccorso sono stati vani. Julen, il bambino di due anni caduto in un pozzo a Totalán vicino a Malaga domenica 13 gennaio, è stato trovato morto alle 1,25 di questo sabato, dopo 13 giorni di intense ricerche.

 

I servizi di emergenza hanno attivato la commissione giudiziaria per procedere alla rimozione del corpo. Nei minuti precedenti, prima di attivare tutti i protocolli, la famiglia del bambino è stata avvisata. “Alle 1,25 di questa mattina, le squadre di soccorso hanno raggiunto il punto del pozzo dove è stata trovato Julen e localizzato il corpo senza vita del bambino. La commissione giudiziaria è stata attivata. ” E’ con questo messaggio inviato dal Sottodelegato del Governo alle 2.21 di questa mattina, a più di 100 media, si è chiuso amaramente il tentativo frustrato di trovare Julen Roselló vivo.

Prima incertezza e poi delusione non appena hanno iniziato a controllare le avversità trovate in questo percorso dai soccorritori.

Se vuoi restare aggiornato su notizie d’attualità e di gossip, SEGUICI QUI

Urla e abbracci al momento della verità

Dopo aver trovato il corpo senza vita di Julen, un equipaggio della Guardia Civil è andato a casa che una famiglia di Totalán aveva prestato ai genitori del piccolo, Victoria García e José Roselló. C’erano anche parenti e conoscenti della coppia che provenivano da tutte le parti. Una pattuglia della Guardia Civil con le luci delle sirene che lampeggiavano davanti alla porta hanno comunicato la notizia all’interno, con loro  40 persone arrivate in zona per mostrare il loro sostegno ai genitori di Julen. Si sono posizionati davanti alla casa in silenzio e nel mezzo della notte, verso le due del mattino. E’ stato in quel momento, mezz’ora prima che la sottodelegazione del governo confermasse la morte, quando diverse grida provenienti dalla casa e gli abbracci di parenti all’esternoo diffondevano la notizia che il bambino avrebbe potuto essere già trovato.

I lavori per il salvataggio sono stati ostacolati dall’orografia del terreno, dai materiali che lo compongono e dalle difficoltà della macchina per arrivare dove si trova il buco, con oltre 100 metri di profondità. Un agente della Guardia Civil fu l’ultimo a partecipare al lavoro di salvataggio del ragazzo, dopo che i membri della Brigata di soccorso minerario aprirono una galleria per accedere alla buca in cui il ragazzo era caduto da un pozzo ausiliario che ci sono voluti sforzi enormi per superare le difficoltà poste dal terreno. Quello della brigata è stato un lavoro arduo e lento. In modo che potessero scavare il tunnel orizzontale che li ha portati dove era Julen, hanno dovuto superare numerosi ostacoli e adottare grandi misure di sicurezza. Hanno persino dovuto eseguire detonazioni fino a quattro volte di esplosivo per sconfiggere la roccia.

Julen aveva due anni. I suoi genitori, José Roselló e Victoria García, sono noti  nel quartiere di El Palo, a Malaga, ai piedi delle montagne dove si trova Totalán. Nel 2017, il suo altro figlio, Óliver, morì quando lui aveva tre anni. Si spense  improvvisamente mentre camminava lungo la spiaggia con i suoi genitori.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI