Home Salute e Benessere Come allenare il cervello a smettere di preoccuparsi

Come allenare il cervello a smettere di preoccuparsi

CONDIVIDI

Problemi di ansia? Ecco come allenare il tuo cervello a smettere di preoccuparsi!

Secondo alcuni studi la preoccupazione o l’ansia è semplicemente una cattiva abitudine che può essere debellata allenando il cervello a smettere di preoccuparsi, secondo altri essa è importante per consentire alle persone che la provano ad imparare dalle esperienze passate. Ad ogni modo, che sia usuale o occasionale, l’ansia occupa il cervello costringendolo ad incentrarsi su un futuro incerto e incontrollabile.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Psiche & Personalità  CLICCA QUI

Come combattere l’ansia

L’ansia è una sensazione che fa parte della natura umana, una persona preoccupata ha spesso difficoltà a essere serafica. Questa sensazione può diventare malsana poichè si può trasformare in ansia paralizzante. Fortunatamente esistono modi efficaci per affrontare l’ansia eccessiva in modo che il cervello possa riuscire a calmarsi in modo autonomo.

Come allenare il cervello a smettere di preoccuparsi

1. Impedire al cervello di preoccuparsi scrivendo:

La tecnica di scrittura è considerata una delle più preziose perché permetterà al cervello di respirare segnalando cose che gli impediscono di dormire, su un foglio.

Gli scienziati di Anxiety, Stress & Coping hanno condotto una ricerca che ha coinvolto persone ansiose. A queste persone è stato chiesto di annotare tre possibili esiti riguardo la situazione che destava loro preoccupazione. Le loro risposte soo state successivamente analizzate.

La costante derivata dalla studio è stata: più la persona era preoccupata per un determinato argomento, meno soluzioni ha trovato, quindi la preoccupazione non è utile per risolvere i problemi. Le persone che sono preoccupate hanno spesso questa tendenza a fuggire dalle situazioni invece di cercare di trovare soluzioni.

Un altro obiettivo: scrivere ciò che preoccupa per poi rendersi conto che tra tutte le loro preoccupazioni, solo una minima percentuale accade realmente. Quando la persona si rende conto che questa percentuale è bassa, si renderanno conto anche del fatto che non è necessario preoccuparsi per le cose che non possono controllare.

2. Meditazione per un cervello senza problemi:

La meditazione può aiutare ad allenare il cervello a smettere di preoccuparsi. I ricercatori della medicina psicosomatica hanno studiato gli effetti della meditazione sul cervello e hanno scoperto che questa pratica è particolarmente efficace nel ridurre l’ansia cognitiva o l’ansia in genere. Sebbene alcune persone credano di non avere il tempo di meditare, la meditazione è facile come scegliere di chiudere gli occhi per 30 secondi o più. L’obiettivo è disconnettersi dal mondo per poter evacuare il cervello da qualsiasi fonte di stress.

Praticando la meditazione, capirai che questi pochi momenti che scegli di evitare di pensare alle cose che ti infastidiscono, ti permetteranno di concentrarti sulla tua vita presente.

Per ottenere i migliori risultati, prova a contare il respiro durante questo momento di meditazione. Se concentrarti sulla tua respirazione non è sufficiente per eliminare l’ansia, concentrati sull’ansia stessa mentre inspiri e poi espira per espellere tutta quell’energia negativa che ti sta divorando. Questa tecnica ti aiuterà ad alleviare tutto lo stress e a riossigenarti immettendo aria pulita nei polmoni.

3. Sport per allenare il corpo e il cervello:

L’ansia è anche il modo in cui il tuo cervello impara a sopravvivere decidendo di attivare la funzione di wrestling. Lo stesso studio sulla rivista Psychosomatic Medicine ha rilevato che l’esercizio fisico, tra lealtre cose, è un buon rimedio quando il corpo avverte i sintomi di ansia o nervosismo. Se il tuo corpo sente meno i sintomi fisici dello stress, la tua menteelaborerà il concetto che ha bisogno di meno preoccupazioni.
L’esercizio sembra dare al corpo una ragione secondaria per la frequenza cardiaca accelerata e la sudorazione che potremmo sperimentare su piccola scala quando ci preoccupiamo. L’esercizio fisico può aiutare ad abbassare la pressione sanguigna, che è un altro sintomo fisico di stress nel corpo.
Se ti senti ansioso, fai una passeggiata per 5 o 10 minuti all’esterno, prova ad apprezzare i panorami e i suoni della natura mentre ti concentri sul movimento delle tue membra e del tuo respiro.
Infine, avere una regolare attività fisica ha un ruolo chiave nel ridurre e prevenire gli effetti dello stress e dell’ansia.

Altri suggerimenti per combattere l’ansia:

  • Scegli una dieta equilibrata mangiando cibi che ti forniranno l’energia di cui hai bisogno durante il giorno.
  • Riduci l’assunzione di caffeina e zucchero che in eccesso causerà uno squilibrio di energia e umore.
  • Evita l’alcol, le sigarette perché sono sedativi temporanei le cui conseguenze possono essere fatali a medio e lungo termine.

Ti potrebbe interessare anche—->>>Sarete felici e in salute grazie a questi quattro consigli

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI