Home Attualità

Vola a Tenerife per sfregiare con l’acido l’ex, arrestato

CONDIVIDI
Matteo Ettore Albanesi (Corriere della Sera)

Un bodybuilder della provincia di Varese è partito per la Spagna con l’intento di sfregiare l’ex fidanzata. Con lui fermata una donna complice. Come in molti casi che hanno animato le pagine di cronaca di questi ultimi anni, anche questa volta c’è un uomo che non è riuscito a farsene una ragione per la fine di una storia d’amore precedente. Il misfatto è accaduto martedì scorso e la particolarità sta nei chilometri percorsi, ben 3 mila, per raggiungere la fidanzata di un tempo e punirla per averlo lasciato tirandole l’acido sul volto.

I protagonisti del gesto

Con intento punitivo, Matteo Ettore Albanesi, quarantacinquenne di Busto Arsizio, Varese, ha preso un volo andata e ritorno dall’Italia per l’isola spagnola di Tenerife e martedì sera ha messo in atto il suo piano. Sfigurare Maria Candelaria, una ventiseienne del posto. Con lui c’era una donna, che pare abbia fatto passare per sua figlia ma che per la Policìa Nacional è più probabilmente la sua nuova compagna.

La testimonianza angosciata

Tenerife (Getty Images)

Insieme, questa rinnovata coppia dell’acido,  avrebbe aggredito Maria nella piazza di La Cuesta, piccolo centro del Nord vicino a San Cristobal de La Laguna.

Erano circa le 21.40, io stavo rientrando a casa quando ho incrociato un uomo e una donna incappucciati e, senza dire una parola, lui mi ha buttato addosso del liquido e sono scappati“, ha dichiarato agli investigatori la vittima, comunque fortunata non aver subito conseguenze gravi a differenza di altre giovani colpite a tradimento come Lucia Annibali e Gessica Notaro.

Per conoscere tutte le notizie più curiose dall’Italia e dal mondo cliccate qui

Danni parziali

Come detto, l’aggressione non è  riuscita al 100%. La giovane spagnola, condotta immediatamente in ospedale, ha subito ustioni al viso, al collo e a un occhio, ma secondo i medici di entità non preoccupante. Appena accaduto l’incidente Maria non ha esitato a fare alle forze dell’ordine il nome dell’ex, che aveva visto il giorno prima con fare non proprio rassicurante, e dunque da subito sospettato.